Radio Nettuno

Virtus-Unipol Arena – Dichiarazione dell’Assessore Luca Rizzo Nervo

27 Giugno 2014
Virtus-Unipol Arena – Dichiarazione dell’Assessore Luca Rizzo Nervo

Trasmettiamo dichiarazione dell’assessore allo Sport, Luca Rizzo Nervo, sul tema Virtus-Unipol Arena.
Virtus Pallacanestro mi ha comunicato nelle ore scorse, attraverso il presidente Villalta, la scelta di giocare i prossimi campionati all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno. Scelta di cui prendo atto e di cui ho il massimo rispetto.
Certo sarei ipocrita, e non è nel mio carattere, se nascondessi una qualche sorpresa e un qualche dispiacere a fronte di un lavoro intenso che ha impegnato per oltre tre mesi l’Amministrazione comunale e le parti, svolto per consentire alla Virtus di tornare a Bologna, come avevamo capito fosse loro intenzione e come era certamente nella nostra speranza e volontà.
Abbiamo sempre inteso che la scelta del PalaDozza fosse legata alla storia e al legame con quel palazzo dello sport e con questa città. Non abbiamo invece mai inteso partecipare ad aste al minimo ribasso. Ciò nonostante, a conferma della nostra volontà di consentire questo ritorno, pensiamo di aver formulato davvero la miglior offerta possibile e certo molto vantaggiosa rispetto a quanto Virtus ha pagato in tutti questi anni l’impianto di Casalecchio.
Se la situazione è mutata e se sono stati trovati argomenti, da parte della società o in seno alla Fondazione Virtus, con la gestione dell’impianto di Casalecchio, tali da rendere oggi quella offerta più competitiva della nostra, non posso che compiacermi e comprendere pienamente la scelta di una compagine societaria che ha deciso, in modo apprezzabile, di fare sport
professionistico con una gestione attenta e predisponendo un budget e degli obiettivi sportivi conseguenti.
In questo percorso e nel confronto avvenuto in questi mesi, ho avuto modo di apprezzare, una volta di più, il gran lavoro di Renato Villalta, persona davvero perbene e dirigente sportivo con i fiocchi, che voglio ringraziare in modo pieno e sincero.
Ci tengo solo a rimarcare, a fronte di alcune supposizioni giornalistiche sulle concause di questa scelta relative ai tempi di questa trattativa, che la proposta di contratto per la concessione in uso del PalaDozza è stata spedita dal Comune di Bologna a Virtus in data 23 aprile 2014, cioè oltre due mesi fa, e con essa messi a disposizione, per una doverosa visione,
tutti i documenti tecnici del palasport. Ulteriori approfondimenti tecnici sono stati richiesti da Virtus, per verificare la corrispondenza fra i documenti di agibilità e funzionalità del palasport in possesso del Comune di Bologna con quelli depositati, come da prassi, presso gli organi preposti di controllo (Vigli del Fuoco etc.). Verifiche che ovviamente hanno dei tempi tecnici e che altrettanto ovviamente hanno confermato, come da noi preannunciato sin dal primo momento, la piena corrispondenza fra gli atti depositati e le loro copie in nostro possesso.
E’ evidente che le motivazioni e le valutazioni sono state altre e meritano il massimo rispetto, come lo merita l’interesse esclusivo della Virtus e delle sue attività valutato in questa direzione.
Questo esito imprevisto non impedirà al Comune di Bologna di proseguire e, anzi, intensificare lo sforzo per riportare al PalaDozza tanto sport, dopo anni passati piuttosto poveri, con eventi nazionali e internazionali, come lo sono stati quest’anno la Final Four di Coppa Italia maschile di pallavolo e le final four di FIBA Eurochallenge di pallacanestro maschile, su cui speriamo di poter dare presto buone nuove.
Non ci resta che augurare a Virtus Pallacanestro i migliori successi per la stagione che si apre e per il futuro prossimo“.

Ti piace questo articolo? Condividilo!