Radio Nettuno

Virtus – L’Obiettivo Lavoro torna a sorridere e doma Torino

20 Settembre 2015
Virtus – L’Obiettivo Lavoro torna a sorridere e doma Torino

OBIETTIVO LAVORO – MANITAL 95 – 81

(26-18, 47-46, 77-62)

Virtus Bologna: Gaddy 1, Ray 18, Fontecchio 18, Odom 14, Pittman 13, Vitali 10, Williams 4, Mazzola 15, Vercellino, Oxilia 2. All. Valli

Torino: Giachetti, Mancinelli 14, Rosselli ne, Fantoni 4, Robinson 4, Mascolo 8, Dawkins 22, Miller 11, Ebi 6, White 12. All. Bechi

A Lucca la Virtus di Giorgio Valli affronta l’ennesimo test da Serie A e trova subito sulla sua strada la Manital, tornata nel massimo campionato sotto la guida di un ex timoniere bianconero, Luca Bechi. Ed è un inizio acceso, che preannuncia una partita vivace e giocata a viso aperto. Bologna cerca subito il suo totem sotto canestro, e lui, Dexter Pittman, risponde alla sua maniera, piazzando sei dei primi sette punti della squadra. Ray ci aggiunge la prima tripla della serata e in quattro minuti Obiettivo Lavoro è avanti 12-5. Un minuto più tardi, complice Mancinelli che si fa fischiare un tecnico, la Virtus vola via (17-7). Valli sperimenta, cambia spesso le carte in tavola ma il canovaccio non cambia, al 7’ è ancora 23-14 quando inizia un pressing bianconero nel quale si mette in mostra Mazzola, e a fine primo quarto il vantaggio è ancora di otto punti (26-18). L’effetto sorpresa, la Manital se lo gioca all’inizio del secondo, piazzando tre triple in fila (due Dawkins, una Mascolo) per un parziale di 9-0 che in un minuto e mezzo la porta addirittura in vantaggio (28-29). Ne passerà un altro prima che arrivino i primi due punti bianconeri, firmati da Ray. Da qui si procede punto a punto, con Torino al massimo vantaggio, 36-39, su una schiacciata di White, e Bologna che raddrizza un 40-42 con una fiammata da cinque punti consecutivi di Vitali.

Dopo l’intervallo lungo, il copione resta immutato per quattro minuti, fino al 55-54 Virtus, sostenuta da un brillante Fontecchio che ne mette cinque in fila per non far scappare Torino. Poi, improvviso, il decollo: ancora Fontecchio, una tripla di Vitali, la concretezza di Pittman e la velocità di Odom. E in fondo a tutto questo, cinque punti filati di Mazzola, per chiudere un parziale di 14-2 che mette i titoli di coda anche alla partita. Valli prova la difesa a zona sul finire del terzo quarto, chiuso dalle triple di Odom e Ray, e la ripropone per qualche minuto nell’ultimo, in cui Obiettivo Lavoro tiene sempre a distanza di sicurezza la Manital, anche quando a cinque minuti dalla fine l’ex Ebi e Miller provano a riaprirla con guizzi che la truppa bianconera argina senza problemi.

In finale l’avversario sarà Varese, che ha sconfitto la Mens Sana Siena per 99-85

m.t.

Ti piace questo articolo? Condividilo!