Radio Nettuno

Virtus – Albertini: “Perdite importanti da ripianare in un trimestre”

25 Luglio 2014
Virtus – Albertini: “Perdite importanti da ripianare in un trimestre”

Sinceri, sufficientemente precisi nelle cifre, ma non rassicuranti, queste le idee che ci siamo fatti al termine della conferenza stampa della Virtus tenuta nella palestra dedicata a Gigi Porelli, alla presenza di alcuni soci tra i quali un attento Claudio Sabatini. “La Fondazione è coesa, non ci sono fazioni all’interno di essa“, queste sono state le prime parole del presidente della Virtus, Renato Villalta, durante una conferenza stampa oceanica (durata quasi due ore). “La Virtus sta attraversando un momento difficile – ha poi proseguito – figlio anche di quello che dà la città di Bologna. I soci faranno il massimo nei prossimi mesi per uscire da questa situazione e faremo con i soldi che avremo in cassa. I due punti di penalizzazione sono un danno d’immagine per la società e vedremo se ricorrere al CONI. Errore in buona fede e vedremo (???) di chi sono le responsabilità“. Il numero 1 bianconero ha poi aggiunto: “Vivere alla giornata significava vedere giocatori che si buttano su ogni palla partita dopo partita e al 99% giocheremo col 5+5. Il CdA ha deliberato il budget che sarà inferiore all’anno scorso (si parla di circa 800 mila euro netti – ndr). Ho fatto errori probabilmente dettati dall’inesperienza e ho fatto valutazioni sbagliate perchè c’erano delle aspettative diverse, ma per noi è importante essere credibili e stare dentro le regole. Gli abbonamenti? Faremo una politica più ottimizzata per portare più gente possibile all’Unipol Arena; partiremo la prossima settimana sapendo che dovremo fare prezzi equi rispetto alla squadra che faremo“.

E’ stato poi il turno del vicepresidente Claudio Albertini: “Non sono abituato a dire delle bugie: il 5 luglio 2012 la Fondazione ha acquistato la Virtus e Sabatini ha messo il ricavato della vendita nella Virtus. Nel primo anno le sponsorizzazioni erano gestite da Magellanica e gli introiti sono stati minimi. La perdita è stata di circa un milione e trecento mila euro, ma alcuni soci, comprando una parte dei terreni per la costruzione della foresteria, hanno imemsso circa 750 mila euro nelle casse della Virtus, abbassando così il debito a circa 500 mila euro. Quest’anno abbiamo speso, come lordo, quasi due milioni di euro per la squadra. E, nel nostro preconsuntivo di bilancio, abbiamo entrate per 1,7 dalle sponsorizzazioni e 1,1 da botteghino. Sommando poi altre piccole entrate, arriviamo circa a 3,7, ma abbiamo, comunque, chiuso con un buco di circa 800 mila euro. Tecnicamente abbiamo un capitale circolante in negativo e molto pesante. Non è una situazione drammatica, ma ci vuole liquidità nei prossimi tre mesi per oltre un milione di euro; servono nuovi soci, che entreranno, e calare i costi“.

Chiusura per Arrigoni: “Siamo vicini a Ray, Mazzola ed un altro giocatore. Non possiamo fare sbagli perchè non abbiamo i soldi per metterci una pezza, ma non siamo morti e cercheremo di fare il meglio possibile“.

s.m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!