Radio Nettuno

Una brutta Fortitudo cade male a Piacenza

11 Dicembre 2016
Una brutta Fortitudo cade male a Piacenza

ASSIGECO – KONTATTO 68 – 58
(21-9; 36-24; 49-38)
Piacenza: De Nicolao 3, Jones 16, Raspino 2, Infante 5, Persico 2, Rossato 16, Dincic ne, Brigato ne, Gaadoudi ne, Hasbrouck 22, Zucchi ne, Borsato 2. All. Andreazza.
Fortitudo: Nikolic 11, Mancinelli 5, Candi 8, Costanzelli ne, Ruzzier 10, Montanari ne, Campogrande, Montano, Gandini 8, Raucci, Knox 5, Italiano 11. All. Boniciolli.

Passo indietro per la Fortitudo che cede a Piacenza in una gara nella quale ha sempre dovuto inseguire. Difficile trovare un giocatore sufficiente (forse il solo Italiano), ma è stato peggiore l’atteggiamento della squadra, nel suo complesso, nei primi diciotto minuti: spenta, deficitaria in attacco e con Boniciolli che lasciato al suo vice, Stefano Comuzzo, l’onere di allenare il secondo quarto.
La cronaca: show di Hasbrouck (3/3 da oltre l’arco) e 14-4 al 5’. Knox sembrava svagato e Boniciolli lo sostituiva con una ramanzina delle sue. La Kontatto non la metteva mai e chiudeva il quarto sotto di dodici lunghezze (21-9) e con un desolante 3/18 al tiro. I biancoblù proseguivano nel loro momento nero fino al 33-15 (doppietta di Jones dalla lunetta). Negli ultimi cento secondi erano fondamentali due triple di Italiano che risvegliavano la Fortitudo (36-24 al 20’). La stessa ala firmava, ad inizio ripresa, la bomba del -9, poi Piacenza trovava per qualche minuto, con continuità, la via del canestro e scappava nuovamente sul +15 (46-31 al 24’). Gli ospiti, però, questa volta erano vivi e, con un poker di punti di Ruzzier, rientravano a -7 (52-45 al 31’). Un ottimo Gandini firmava, addirittura, il -6 (54-48) e lo stesso Ruzzier, con due liberi, faceva balenare l’incredibile rimonta (54-50). La luce, però, in attacco, tornava a spegnersi e prima un rimbalzo offensivo del’Mvp Jones e, poi, la tripla del solito Hasbrouck (66-54 a -1’30”), chiudevano virtualmente il match.

Ti piace questo articolo? Condividilo!