Radio Nettuno

Tomassini gela la Fortitudo, a Casale va la prima semifinale

28 Maggio 2018
Tomassini gela la Fortitudo, a Casale va la prima semifinale

JUNIOR – CONSULTINVEST 85 – 83
(28-20; 50-42; 64-72)
Casale Monferrato: Tomassini 18 (2/6, 4/5), Sanders 16 (6/9, 0/5), Denegri 11 (1/2, 3/4), Severini 10 (1/4, 2/4), Marcius 10 (3/4), Martinoni 8 (4/7, 0/2), Blizzard 8 (1/3, 2/6), Bellan 4 (1/2), Cattapan (0/1), Valentini (0/1), Banchero ne, Ielmini ne. All. Ramondino.
Fortitudo: Mancinelli 31 (12/17, 2/7), Cinciarini 19 (5/9, 2/4), Rosselli 11 (3/4, 1/3), Okereafor 7 (1/3, 1/4), Fultz 7 (2/2, 1/3), Gandini 4 (1/1), Pini 2 (0/2), Chillo 2 (1/1, 0/1), Murabito ne, Amici, Italiano (0/1), Montanari ne. All. Pozzecco.

Una prodezza da 3 punti di Tomassini, a 10” dalla fine, ha deciso gara1 delle semifinali. Una sfida che, dopo averla vissuta all’inseguimento, la Fortitudo aveva rovesciato pensando, forse, di aver già vinto quando al 34’ il punteggio era di 69-76. Lì sono mancate le energie, lì sono mancati i dettagli e Casale ne ha approfittato vincendo, probabilmente, in modo insperato. Strepitosa la prestazione di Mancinelli, mentre va segnalato la rotazione scelta da coach Pozzecco: oggi poteva andare bene, mercoledì bisognerà, giocoforza, allungarla.
La cronaca: scattava meglio dai blocchi la formazione di casa (9-3), poi la Consultinvest si rifaceva sotto e metteva la freccia con una schiacciata di Mancinelli (12-13). Break di 7 a 0 e piemontesi che raggiungevano il massimo vantaggio, con un canestro del pivot Marcius, sul 30-20. I felsinei, pian piano, si riportavano sotto e, con un missile di Okereafor, erano di nuovo a contatto (42-40). Chiusa la frazione sul -8, la Fortitudo rientrava in campo con la faccia e la determinazione giusta. L’aggancio, a quota 59, lo siglava il solito Mancinelli, a 4’30” dalla terza sirena. Sull’onda lunga i biancoblu volavano a +9 (59-68) con una bomba di Cinciarini. Nell’ultimo quarto Casale si riportava sotto (69-72), la Consultinvest reagiva bene (69-76 al 34’). Qui mancava il colpo del k.o. e, così, Tomassini, infilava il canestro da 3 del 78-78, a 3’dalla fine. Cinciarini si metteva in proprio per due canestri consecutivi (80-83). Doppietta dalla lunetta di Severini, errore da fuori di Rosselli e tripla di Tomassini a -10”. Casale aveva ancora un fallo da spendere e lo faceva bene. Meno di tre secondi sul cronometro, la palla arrivava a Mancinelli, ma il suo tiro dalla lunga distanza, veniva respinto dal ferro.

Ti piace questo articolo? Condividilo!