Radio Nettuno

Strade bianche 2017, vittoria del polacco Michal Kwiatkowski

4 Marzo 2017
Strade bianche 2017, vittoria del polacco Michal Kwiatkowski

La Classica del Nord più a Sud d’Europa,  ha dato spettacolo anche quest’anno, l’ingresso nel World Tour non poteva essere accolto in modo migliore, a trionfare nello splendido scenario di Piazza del Campo a Siena è il polacco Michal Kwiatkowski (Team Sky), che bissa il successo ottenuto nel 2014.

La pioggia annunciata negli ultimi giorni non si è fatta attendere e ha reso questa giornata veramente spettacolare ed eroica, con tanto fango nei pendii sterrati.

Dopo pochi chilometri è scattata subito la prima fuga di giornata, composta da sei uomini: Quentin Jauregui (AG2R), Mattia Frapporti (Androni Sidermec), Truls Korsaeth (Astana), Simone Andreetta (Bardiani CSF), Thibaut Pinot (FDJ) e Jose Gonçalves (Katusha Alpecin), con il gruppo che ha lasciato spazio, con vantaggio che è arrivato anche sopra i 5′, a circa metà gara la corsa entra nel vivo con la caduta in uno dei primi tratti di sterrato, che causa il ritiro del campione del mondo Peter Sagan.

Ad aumentare il ritmo ci pensano i due corridori belgi della Lotto – Saudal, con la coppia di capitani Benoot-Wellens, che sono riusciti a formare  un plotoncino di 12 uomini importanti, all’inseguimento della fuga, tra cui Van Avermaet, Stybar e Kwiatkowski, molto importante il tratto di sterrato più duro della corsa,  quello di Monte Sante Marie, giustamente dedicato al grande Fabian Cancellara, l’inseguimento e’ giunto al termine a circa 40 chilometri dal traguardo.

Da lì in poi i ritmi sono stati davvero vertiginosi, con scatti e controscatti tra tutti i rivali, con la fuga composta da  Tim Wellens (Lotto Soudal), Greg Van Avermaet (BMC), Michal Kwiatkowski (Sky) e Zdenek Stybar (QuickStep – Floors), mentre la coppia dell’Orica Scott di Juul Jensen e Durbridge e l’olandese Dumoulin facevano un po’ da elastico staccandosi nei tratti duri e riavvicinandosi al gruppo nei tratti meno impegnativi, in questa fase si intuiva che il Polacco Kwiatkowski avesse una gamba migliore rispetto ai suoi avversari andando a chiudere tutti gli attacchi dei sui compagni di fuga.

Subito dopo il penultimo settore di sterrato, quello di Colle Pinzuto, a provarci in solitaria è sempre l’ex campione del mondo Kwiatkowski, il polacco ha sfruttato una fase di studio di tutti i suoi rivali per guadagnare secondi su secondi, alle sue spalle si sono organizzati Wellens, Van Avermaet e Stybar, ma negli ultimi 10 chilometri non c’è stato nulla da fare per gli inseguitori, che sono addirittura parsi più stanchi di un Kwiatkowski lanciato verso il traguardo. Alle sue spalle il campione olimpico Van Avermaet che ha battuto il connazionale Wellens ed il ceco Stybar.

Nella gara femminile grande vittoria dell’azzurra Elisa Longo Borghini che batte in volata la Polacca  Katarzyna Niewiadoma, dopo una gara durissima corso sotto il diluvio.

Ti piace questo articolo? Condividilo!