Radio Nettuno

Seconda volata amara per la Consultinvest a Casale Monferrato

30 Maggio 2018
Seconda volata amara per la Consultinvest a Casale Monferrato

JUNIOR – CONSULTINVEST 82 – 79
(14-22; 38-33; 61-54)
Casale: Tomassini 12, Bellan 5, Sanders 13, Martinoni 8, Cattapan 2, Marcius 11, Denegri 1, Blizzard 18, Severini 9, Valentini 3, Ielmini ne, Lazzeri ne. All. Ramondino.
Fortitudo: Okereafor 12, Cinciarini 14, Rosselli 18, Mancinelli 11, Gandini 2, Fultz, Amici 2, Italiano 11, Chillo 5, Pini 4, Montanari ne, Murabito ne. All. Pozzecco.

Secondo arrivo in volata e secondo successo per Casale. A differenza di gara1, sono stati i piemontesi a condurre per buona parte del match, ma, negli ultimi cinque secondi, Cinciarini ha avuto due conclusioni da 3 punti per poter impattare la sfida e portarla al supplementare (fallo sulla seconda conclusione? La sirena era già suonata?). Alla Consultinvest non sono bastati i cinque giocatori in doppia cifra ed un Italiano straordinario nell’ultimo quarto.
La cronaca: pronti, via e 5-11 al 5’. La Fortitudo era inarrestabile e raggiungeva il +10 (bene Rosselli) sul 12-22 al 9’. Iniziavano le rotazioni ed i felsinei smettevano di segnare: dal 14-24 si passava al 25-24 del 15’ (1/2, dalla lunetta, di Denegri). Tomassini era una sentenza e Blizzard colpiva dalla lunga distanza per il 38-33 del 20’. La Junior partiva meglio nella ripresa e saliva sul +9 (42-33), ma gli ospiti reagivano e rientravano a -2, 46-44, con un gioco da tre punti di Rosselli. Casale, però, trovava sempre una buona conclusione e volava sul +10 (61-51), con la bomba del giovane play (classe ’99) Valentini. La F non mollava (61-56), ma subiva un pesantissimo 3+1 di Tomassini. Sul 72-62, a 5’ dalla fine, la partita sembrava decisa, ma Italiano era l’anima della rimonta che si completava, sul 76-76, con un 2+1 di Cinciarini. Si arrivava all’ultimo minuto sul 78-78 e, a -25”, era devastante una tripla dell’Mvp Blizzard. A seguire: 1/2 di Rosselli, idem per Martinoni a -11” (82-79). 0/2 di Italiano a 8” dal gong, ma il rimbalzo era sporcato e la rimessa era per gli ospiti, a -5”. Esecuzione perfetta, conclusione piedi per terra per Cinciarini e palla che scheggiava il ferro, tornava nelle mani della guardia biancoblu che, poi, scoccava nuovamente la conclusione sulla sirena (prima o dopo?). Contatto, nessun fischio, game over.

Ti piace questo articolo? Condividilo!