Radio Nettuno

Qualificazioni Mondiali Sud Americane spettacolari e divertenti

8 Ottobre 2016
Qualificazioni Mondiali Sud Americane spettacolari e divertenti

Tanti goal e grande spettacolo nella nona giornata di qualificazioni ai Mondiali.

L’ Uruguay batte senza tanti problemi il Venezuela con il punteggio di  3 a 0 in casa con una bella doppietta di Cavani e conferma il primo posto in classifica con 19 punti, resta al secondo posto in classifica con 18 punti  invece il Brasile capace di infliggere un secco 5 a 0 alla Bolivia, mentre al terzo posto a quota 16 ci sono ben tre squadre,  Ecuador che ha battuto per 3-0 ai campioni del Sud America del Cile, la Colombia che batte a domicilio il Pareguay per 1-0 grazie al gol al 90′ di Cardona e l’ Argentina che pareggia 2-2 in Peru’ regalando il pareggio con il retro passaggio scellerato di Mascherano intercettato dal grande Guerrero che viene steso in area di rigore da Funes Mori con il rigore trasformato dal cecchino Cuevas, per l’Argentina altri 2 punti buttati al vento dopo il pareggio contro il Venezuela mentre al sesto posto, e quindi attualmente fuori dal Mondiale, c’è il Paraguay a quota 12, seguito dal Cile ad 11,  il Perù con 8 punti, la Bolivia con 7 e il Venezuela con 2.

Ecuador – Cile ( 19′ Valencia, 23′ Ramirez, 46′ Caicedo)

L’ Ecuador comincia subito col piede sull’ acceleratore ed è soprattutto sulle fasce che il Cile soffre le sfuriate dei due Valencia, al 19′ Enner Valencia parte in velocità sulla sinistra e mette al centro un pallone rasoterra, sul quale si avventa Antonio Valencia che con un diagonale perfetto insacca alle spalle di Bravo, dopo  neanche cinque minuti e la Tri raddoppia con un’ azione che comincia dalla destra, con il giovane Cristian Ramirez che arriva per primo su un pallone vagante in area e con un bolide trafigge ancora il portiere cileno e nella  ripresa  dopo appena un minuto Felipao Caicedo chiude la sfida correggendo in rete un tiro-cross di Antonio Valencia e facendo impazzire di gioia l’ Estadio Olimpico Atahualpa e chiudendo la partita definitivamente, con Noboa che sfiora il 4-0 con un fortissimo tiro da fuori area che si stampa sulla traversa.

Uruguay – Venezuela ( 29′ Lodeiro, 46′ e al 79′ Cavani)

La Celeste parte fortissimo e al 29′  sblocca la situazione, cross calibrato di Suarez per Lodeiro, che in corsa e con un colpo di testa in tuffo supera Hernandez, con il raddoppio che arriva ad inizio del secondo tempo  ripresa con Cavani che sfrutta l’ indecisione di un difensore avversario e con un diagonale imprendibile fa 2 a 0 e al 65′ la Vinotinto resta in dieci per il doppio giallo nei confronti del mitico Vizcarrondo e al 79′ ancora Cavani realizza la sua doppietta personale, sfruttando un’altro assist pregevole di Suarez su azione avviata da Carlos Sanchez.

Paraguay – Colombia 0-1 ( al 90′ Cardona)

Colpaccio esterno per la Colombia che grazie ad una rete di Cardona al 90′  contro un Paraguay generoso ed un pò sfortunato.

Nel primo tempo i Cafeteros giocano meglio e sprecano una grande chance con Muriel da due passi, nella ripresa il Paraguay schiaccia gli avversari nella loro metà campo e getta all’ aria un’ opportunità incredibile con Lezano e al 77′ Pekerman butta nella mischia Edwin Cardona che risolve la sfida segnando con un bel pallonetto su passaggio di Bacca, vittoria immeritata che da una mazzata incredibile ad un buon Paraguay.

Brasile – Bolivia 5-0 ( 11′ Neymar, 26′ Coutinho, 39′ Felipe Luiz, 44′ Gabriel Jesus e al 76′ Firmino)

La Selecao gioca in maniera arrembante e passa a condurre già all’ 11′, quando Neymar soffia la palla a Raldes a metà campo, si invola verso la porta e scambia la palla con  Gabriel Jesus, che chiude il triangolo consentendo al fenomeno del Barcellona di segnare il facile 1 a 0 a porta vuota, il raddoppio lo segna Coutinho al 26′ sfruttando una bella azione sulla destra tra Dani Alves e Giuliano, con quest’ ultimo che consegna l’ assist vincente al fantasista del Liverpool, il Brasile spinge ancora forte sull’acceleratore e al 39′ Neymar avvia il 3 a 0 saltando un paio di avversari come birilli e consegna un assist in area a Filipe Luis, bravo ad inserirsi e battere Lampe con un rasoterra, al 44′ arriva il 4 a 0 lo firma Gabriel Jesus, che sfrutta l’ ennesimo assist di Neymar e con un bel tocco morbido scavalca il portiere, nel  secondo tempo i ritmi si abbassano, ma il Brasile trova comunque il tempo per la cinquina al 75′ angolo calciato da Coutinho e stacco di testa vincente di Firmino appostato sul secondo palo.

Peru’ – Argentina 2-2 ( al 15′ Funes Mori, 58′ Guerrero, 77′ Iguain, al 84′ Cueva rig.

Il match comincia con un Perù chiuso in difesa ed un’ Argentina che sembra molto decisa ed arrembante, al 15′ su corner la difesa peruviana non riesce ad allontanare, la palla resta sui piedi di Funes Mori che di sinistro porta avanti l’ Argentina,  il Perù non si deprime ma anzi reagisce alla grande e comincia a mettere una certa pressione agli avversari e cercano il pareggio con le punizioni  di Benavente e di Cueva che  escono di poco.

Nel secondo tempo, grazie anche all’ ingresso di Da Silva, la squadra di Gareca cambia passo e domina un’ Argentina spaesata e spreca due goal abbastanza clamorosi con  Flores, che infatti viene rimpiazzato dal bravissimo Ruidiaz, al 58′ però ecco il goal che fa tremare gli spalti dell’ Estadio Nacional, quando El Depredador Guerrero, su lancio millimetrico di Trauco, fugge alla marcatura di Funes Mori,addomestica il pallone con il petto resistendo alla carica del difensore biancoceleste e con un destro potente e preciso batte Romero segnando un bellissimo  golazo, il Peru’ continua la pressione cercando il gol della vittoria ma al 77′ però il Perù la retroguardia sbaglia  il fuorigioco e così Zabaleta trova il varco giusto per il fin qui impalpabile  Higuain, che non sbaglia e scavalca il portiere con un elegante pallonetto.

Una rete che sembra tagliare le gambe alla squadra di casa, ma invece il Perù non molla  mai e all’ 84′ un retro passaggio orrendo di Mascherano innesca Guerrero che una volta entrato in area il giocatore del Flamengo cade sul tocco di Funes Mori, costringendo l’ arbitro a fischiare il rigore, sul dischetto va il cecchino  Cueva che è freddissimo come sempre ed infila la palla sotto l’ incrocio dei pali, partita che finisce sul 2-2 con tutte e due le squadre deluse per il risultato, un rimpianto in più per gli argentini che dovrà affrontare il Paraguay martedì senza i tre difensori centrali che erano diffidati e che sono stati tutti ammoniti.

Le qualificazioni sudamericane riprenderanno martedì con queste partite:

Bolivia-Ecuador, Colombia-Uruguay, Argentina-Paraguay, Cile-Perù e Venezuela-Brasile.

Ti piace questo articolo? Condividilo!