Radio Nettuno

NBA Play Off, giù il cappello ad un mostruoso Manu Ginobili schiacciata e stoppata decisiva ad Harden, San Antonio batte Houston nei tempi supplementari e si porta in vantaggio nella serie 3-2

10 Maggio 2017
NBA Play Off, giù il cappello ad un mostruoso Manu Ginobili schiacciata e stoppata decisiva ad Harden, San Antonio batte Houston nei tempi supplementari e si porta in vantaggio nella serie 3-2

San Antonio Spurs – Hoston Rockets 110 – 107 Dts (32-29, 26-31, 28-25, 15-16, 9-6)

In molti si sono lamentati delle partite di play off NBA con troppo margine, così gli Spurs e i Rockets hanno deciso di accontentarli, giocando una partita bellissima ed entusiasmante decisa ai supplementari da una mega stoppata di un vecchietto di 39 anni Manu Ginobili (ogni anno si dice questo sarà l’ultimo anno in NBA) al miglior giocatore della lega in stagione James Harden, sembra impossibile ma non che abbiamo vissuto Ginobili quando giocava con la maglia della Virtus lo sappiamo Manu c’è quando conta veramente, la partita e la serie sembra proprio nelle mani dei Rockets con gli Spurs senza Parker e con Leonard che deve abbandonare il campo per una distorsione alla caviglia, ed invece gli Spurs prima portano la partita ai supplementari e poi la magia di Ginobili che prima esce vivo da un blocco deciso di Harden e poi lo stoppa da dietro strappandogli la palla ad 1 secondo dalla fine.

Per gli Spurs Kawhi Leonard con 22 punti e 15 rimbalzi, LaMarcus Aldridge 18 punti e 14 rimbalzi, Patty Mills 20 punti e Manu Ginobili 12 punti 7 rimbalzi, 5 assist 1 schiacciata ed 1 stoppata.

Per i Rockets tripla doppia per Harden con 33 punti 10 rimbalzi e 10 assist, Patrik Beverly 20 punti (6/10 da 2 e 5/7 da 3) e Ryan Anderson 19 punti (7/11 da 2 e 3/6 da 3) e 7 rimbalzi.

Ora con la serie sul 3-2 Spurs si ritorna a Houston e poi eventualmente gara 7, certo bisognerà capire nei prossimi 2 giorni se Leonard riuscirà a recuperare in tempo, infatti dopo aver perso Parker sarebbe troppo per gli Spurs dover giocare anche senza Leonard, per i Rockets in ogni caso una grande partita con Harden in grande forma che anche sotto grande pressione dispensa assist ai compagni certo che Mike D’Antoni lo ha cambiato parecchio.

 

Ti piace questo articolo? Condividilo!