Radio Nettuno

Mancinelli prende per mano una Kontatto dai due volti

18 Dicembre 2016
Mancinelli prende per mano una Kontatto dai due volti

KONTATTO – RECANATI 78 – 66
(16-12; 37-21; 53-48)
Fortitudo: Raucci 2, Mancinelli 18, Ruzzier 1, Costanzelli ne, Montano 13, Di Poce ne, Campogrande ne, Nikolic 2, Knox 19, Candi 14, Gandini 3, Italiano 6. All. Boniciolli.
Recanati: Marini, Spizzichini 1, Reynolds 13, Armento ne, Loschi 23, Sorrentino 10, Andrenacci ne, Bolpin, Fossati ne, Bader 17, Maspero 2, Renna ne. All. Sacco.

Torna al successo la Kontatto e lo fa con le sue due armi, probabilmente, migliori e cioè la difesa e capitan Mancinelli (nella foto di Arianna Zani) che si è preso la squadra sulle spalle nei momenti decisive del match. Non sono, però, tutte rose e fiori perché Nikolic è risultato impalpabile in attacco e Ruzzier non riesce ancora ad essere quel play che è stato preso per fare la differenza in A2.
La cronaca: avvio orrendo, soprattutto per gli ospiti (5-0 al 4’), poi Italiano e Montano permettevano alla Fortitudo di prendere un paio di possessi di vantaggio prima della sirena. Nel secondo quarto saliva in cattedra la difesa felsinea che concedeva, per sette minuti, solo le briciole (33-14 al 17’, con Knox in evidenza). Nikolic, addirittura, firmava il +20 (37-17), con Recanati che andava al riposo con 4/31 al tiro!
Nella ripresa, la testa dei felsinei, probabilmente, rimaneva per troppo tempo negli spogliatoi e, pian piano, la truppa di Sacco si riportava sotto (44-39 con 2/2 dalla lunetta dell’ex Sorrentino). Un doppio antisportivo, in pochi secondi, sembrava richiudere le sorti della contesa e, invece, Bader sparava il missile del 53-53 a 8’ dalla fine. Nel momento del bisogno ecco Mancinelli con canestri, assist e difesa. Sua la bomba del 64-56 al 36’ e ancora sua la conclusione dai 6,75 che, questa volta veramente, chiudeva la partita (72-61 al 39’).

s.m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!