Radio Nettuno

La partita ai raggi X: Milan-Bologna 1-0

17 Febbraio 2014
La partita ai raggi X: Milan-Bologna 1-0

Brucia ancora la sconfitta di San Siro: il gol di Balotelli ha spezzato i sogni di gloria rossoblù nel finale di una partita che il Bologna soprattutto nel secondo tempo si è giocato al meglio. Andiamo a vedere nei numeri che cosa è successo a Milano. I migliori in campo per i rossoblù, statistiche alla mano, sono stati Diego Perez e Andrea Mantovani (guarda caso, quelli a cui viene imputata la responsabilità del gol segnato da SuperMario). Per entrambi un giudizio complessivo di 7,4: l’uruguaiano ha registrato una precisione di passaggio dell’83%, è entrato nella manovra 52 volte, ha commesso 3 falli, ha tirato in una occasione e può vantare 4 contrasti e 3 dribbling vincenti; con lo stesso rating anche il difensore che ha vinto tutti i duelli aerei, conta 51 possessi, 3 falli commessi, 1 dribbling e 3 contrasti vinti ma con una precisione nel passaggio  di solo il 70%. Più in generale il Bologna ha ottimamente figurato sia in fase conclusiva (11 tiri di cui 4 nello specchio contro le 13 conclusioni di cui 4 nella porta dei rossoneri), ha conquistato la supremazia sia nei dribbling (12 a 9), sia nei contrasti (addirittura 20 a 8). I rossoblù hanno creato molte occasioni a dispetto dello scarso possesso palla (solo il 30% complessivo). Di contro hanno concesso troppi calci piazzati nei pressi dell’area e nel finale hanno pagato pegno in termini di stanchezza. Gli attacchi più efficaci sono arrivati per via centrale (37% del totale), mentre la fascia su cui più hanno sofferto è stata quella sinistra (proprio quella da cui è scaturito il gol). Il Bologna sta provando più spesso rispetto al passato le conclusioni dalla distanza (il 64% del totale) ed è merito soprattutto dei centrocampisti che in questo frangente sono più coraggiosi che in passato (3 tentativi di Lazaros e di Khrin, ad esempio). Infine, l’analisi sulle modalità di comportamento con palla tra i piedi: lo scarso possesso ha influito (654 passaggi dei rossoneri contro 283); i rossoblù hanno cercato spesso il lancio lungo per le “spizzate” di Bianchi (54 volte), meno il cross dalla fascia (13 tentativi). Degli 11 tiri 10 sono nati da azione manovrata e uno solo da calcio piazzato, segno questo ulteriore che il Bologna è squadra viva.

m. m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!