Radio Nettuno

La partita ai raggi X – Bologna-Roma 0-1

25 Febbraio 2014
La partita ai raggi X – Bologna-Roma 0-1

Consueto appuntamento con l’analisi della gara giocata dal Bologna in campionato attraverso i numeri. I caratteri generali della sfida con la Roma mostrano una squadra predisposta a creare occasioni su calci da fermo (ben 6 sulle 12 totali) e a rendersi notevolmente pericolosa rispetto allo scarso possesso palla. E proprio questo continua ad essere uno dei limiti evidenti (61% per i giallorossi contro il 39% per i rossoblù), sicuramente da ribaltare in vista di gare contro avversari più abbordabili. Passiamo alle conclusioni verso la porta (12 complessive ma una sola ha centrato lo specchio). Rispetto alla Roma i rossoblù hanno dominato alla voce cross dalla fascia (e questa è una notizia): 38 contro i 13 degli ospiti. Ma a livello di gioco è parso decisamente superiore quello della Roma: 610 passaggi contro 395 con un passaggio sbagliato ogni 4 per i rossoblù. Grazie soprattutto alle incursioni di Kone nel secondo tempo il Bologna ha attaccato di più dalla destra (40%) ma le sue conclusioni sono per lo più arrivate dalla lunga distanza e non da dentro l’area (58% da fuori, 33% da dentro). Sostanziale equilibrio sul fronte dribbling (11 vincenti a testa) e lieve superiorità sui contrasti (18 vinti dai rossoblù, 15 dai giallorossi; il migliore della gara Morleo con 4). Che il problema del Bologna sia il peso offensivo è raccontato dai numeri di Bianchi e Cristaldo: per entrambi una sola conclusione all’attivo, con l’ex Toro anche poco preciso negli appoggi ai compagni (solo il 44% a buon fine). Bianchi non si libera mai dell’avversario nell’uno contro uno, cosa che riesce 2 volte al collega che però ha perso pure 3 palloni. Il migliore, statistiche alla mano, tra i rossoblù risulta Khrin: vince tutti i duelli aerei, entra nel gioco per ben 67 volte (con l’87% di precisione nel passaggio), vince 4 dribbling e 2 contrasti, proponendosi anche una volta al tiro. Lo sloveno è positivo anche nell’interrompere le trame altrui (gli riesce 2 volte, meglio di lui fra i rossoblù solo Natali con 3): chiude la gara con un rating di superiore al 7,5, ora è un giocatore ritrovato.

m. m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!