Radio Nettuno

La forza del gruppo e la Fortitudo passa a Ravenna

22 Gennaio 2017
La forza del gruppo e la Fortitudo passa a Ravenna

RAVENNA – KONTATTO 63 – 73
(12-16; 33-31; 52-52)
Ravenna: Smith 13, Scaccabarozzi ne, Sgorbati 4, Chiumenti 5, Marks 10, Raschi, Masciadri 8, Tambone 16, Crusca, Seck ne, Sabatini 7. All. Martino.
Fortitudo: Nikolic 9, Mancinelli, Candi 8, Costanzelli ne, Ruzzier 16, Di Poce ne, Campogrande, Montano 14, Gandini 7, Raucci 2, Knox 10, Italiano 7. All. Boniciolli.

Torna al successo la Kontatto che espugna, meritatamente, il “PalaDeAndrè”. Il successo ha tanti padri: da Montano, determinante nel momento più buio della F, a Italiano, prorompente a cavallo delle due frazioni finali, a Ruzzier, sua la tripla più importante, a Gandini, decisivo in difesa su Smith; essendo, però, stata la sua gara d’addio, la palma dell’MVP la diamo a Nikolic, che ha dimostrato grande professionalità, lottando in difesa e pungendo in attacco.
La cronaca: avvio veemente dei biancoblu che raggiungevano il +10 (4-14) dopo sei minuti. Sabatini, però, ridava ossigeno a Ravenna che riusciva a rimanere costantemente in scia (14-18 al 12’). Sul 19-26, con Knox già in doppia doppia, un break di 8 a 0 (doppia conclusione dai 6,75 di Tambone e canestro di Marks), cambiava l’inerzia del match. I romagnoli prendevano fiducia e lo dimostravano sul parquet con Smith che stoppava Gandini e, poi, a rimorchio, schiacciava il 33-29. Nella ripresa l’onda lunga proseguiva fino al 44-36. Era Montano, praticamente da solo, a far respirare la Fortitudo. Lo seguiva a ruota Gandni, poi, anche Italiano si univa al duo firmando il canestro del sorpasso (48-49). Nell’ultima frazione Nikolic, con sette punti consecutivi, spaccava il match (53-59). I giallorossi, però, non mollavano, ma, sul 59-64, il missile di Ruzzier faceva malissimo. Ravenna, con le unghie e con i denti, aveva la forza di tornare a nuovamente a -5 (62-67) ad un minuto dalla fine, ma la tripla di Marks che poteva riaprire la contesa, veniva respinta dal ferro. Game over.

Ti piace questo articolo? Condividilo!