Radio Nettuno

La “bomba” di Guaraldi: “Diamanti fa pressioni per andare via”

4 Febbraio 2014
La “bomba” di Guaraldi: “Diamanti fa pressioni per andare via”

Doveva essere una conferenza stampa di chiarimento, buona soprattutto per spegnere i fuochi che si accendono di continuo nell’ambiente rossoblù. E invece il presidente Albano Guaraldi getta benzina su quello stesso fuoco e fa deflagrare il caso Diamanti: “All’inizio del mercato ho promesso di non cedere nessuno dei nostri giocatori più forti e così è stato. Mi sto battendo per trattenere un giocatore che vuole andarsene. Offerte per lui ce ne sono state, le pressioni ci sono ancora ma noi cerchiamo di resistere. Se ci fossero state le garanzie per rimpiazzarlo, sì, lo avrei ceduto, ma così non è stato. La mia intenzione è tenerlo, lui però continua a fare pressioni e mi faccio una domanda: un giocatore non motivato alla fine potrebbe non dare quello che ha? Abbiamo visto che cosa è successo al Brescia che aveva in squadra Diamanti, Kone e Caracciolo ed è retrocesso ugualmente. Non andrebbe all’Atalanta, la sua sarebbe una scelta di vita. Lui mi ha esposto una serie di motivi più che legittimi. Ma la situazione verrà gestita nel migliore dei modi“. Il presidente che a margine dell’incontro coi giornalisti ha cercato di spegnere la miccia ha comunque rivolto un appello a stampa e tifosi: “Il bene più prezioso della città è il Bologna e per questo chiedo a voi giornalisti e ai tifosi una tregua: serve coesione, dobbiamo rimanere tutti uniti, altrimenti non ce la facciamo a rimanere in serie A. La contestazione? Ti fa passare la voglia ma non faccio passi indietro, non mollo, anche se c’è chi vuol far passare chiunque varchi i cancelli di Casteldebole per uno scemo. Il mio errore più grande? Pensavo di fare qualcosa di importante per questa squadra, con la mia onestà, ho investito 11 milioni, anche se qualcuno dice in palazzi e appartamenti. Ma ci sarà un perchè se tutti vengono trattati in questo modo, qualsiasi cosa si faccia o non si faccia la società è inadeguata. Forse ho sottovalutato i problemi e certi meccanismi non legati a dinamiche sportive. Comunque, lo ripeto io non mollo“.

m. m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!