Radio Nettuno

Junior Tim Cup – Al via i play off ad eliminazione diretta

19 Febbraio 2014
Junior Tim Cup – Al via i play off ad eliminazione diretta

Si confermano in lizza per il titolo bolognese della Junior TIM Cup Cristo Risorto Bianco di Casalecchio, vice campione nazionale, e San Matteo di Molinella, che chiude il girone con la maggiore differenza reti con 46 gol fatti e 3 subiti, e per questo partirà direttamente dai quarti di finale. La terza testa di serie è la compagine dei ragazzi delle Maestre Pie, finalista a Bologna la scorsa edizione, che con 9 punti a pari merito con l’Antal Pallavicini Rossa, ha conquistato il primo posto nel girone C in virtù dello scontro diretto finito 2-0.

Una prima fase vissuta con grande entusiasmo e amicizia, come conferma Francesco Nanni, coordinatore dell’Attività Sportiva del CSI Bologna e responsabile della Junior TIM Cup bolognese. “In queste prime 20 gare i ragazzi hanno dimostrato un grande fair play, con nessun cartellino estratto dagli arbitri e sempre grande correttezza sui campi. Ora parte la fase decisiva con i play-off, ma credo che gioia, rispetto e divertimento continueranno a non mancare sui nostri campi. Anche due grandi santi del passato come San Filippo Neri e San Giovanni Bosco, molto vicini ai giovani, sarebbero contenti del comportamento di questi ragazzi”.

Anche il parroco del Cristo Risorto di Casalecchio di Reno, Don Duilio Farini, è soddisfatto dell’esperienza. “In parrocchia abbiamo accolto con una certa gioia i risultati della squadra ed è sempre bello sentirne parlare anche dalla stampa locale”.

Altra squadra che venderà cara la pelle è il San Giuseppe Lavoratore. Seconda nel girone del Cristo Risorto, ha totalizzato ben 34 reti, facendo penare i ragazzi di Casalecchio di Gabriele Pruneti nello scontro diretto.

A motivare i giovani calciatori di San Giuseppe è sicuramente anche l’apporto del loro parroco, non certo digiuno dal mondo sportivo. Don Giancarlo Guidolin è infatti il cugino dell’allenatore dell’Udinese e ha caldamente voluto la partecipazione dei propri ragazzi al torneo. Un passato da arbitro di calcio ma anche da ciclista, dai tempi del seminario è sempre stato al fianco dei ragazzi per incoraggiarli nelle loro imprese sportive. Prima assieme al cugino nella squadra del Giorgione, a Castelfranco Veneto, poi a Roma dove ha partecipato alla fondazione della Sant’Agnese Calcio, e ora a Bologna con i ragazzi di San Giuseppe Lavoratore. “Li incoraggio sempre e parlo di loro anche nelle prediche”, racconta Don Giancarlo, “ma il merito è tutto dei genitori che li seguono a ogni incontro, in particolare Domenico Formisano e Fabio Zirondelli che li allenano. Dopo ogni partita i ragazzi vengono da me a raccontare com’è andata”.

Ora, a partire da lunedì 24 febbraio, sempre sui campi del Circolo Tennis Italia di via Vighi e del centro sportivo Savena di via della Torretta, le 15 squadre delle parrocchie bolognesi si affronteranno negli scontri diretti. La motivazione rimane quella: divertirsi, fare amicizia, giocare con gioia e mettercela tutta per vincere il torneo e il biglietto per Roma, dove si sfideranno come l’anno scorso le migliori squadre oratoriali di Italia, con ancora lo stesso sogno di giocare all’Olimpico prima della finale della Coppa Italia 2014.

Ti piace questo articolo? Condividilo!