Radio Nettuno

Harakiri Virtus, la Bondi vince dopo un supplementare

30 Ottobre 2016
Harakiri Virtus, la Bondi vince dopo un supplementare

BONDI – SEGAFREDO 86 – 75 dts
(14-19; 29-34; 47-51; 67-67)
Ferrara: Bowers 24, Roderick 18, Cortese 13, Moreno 5, Pellegrino 8, Mastellari 10, Soloperto 6, Ibarra 2, Ardizzoni ne, Mastrangelo ne, Zani ne. All. Trullo.
Virtus: Lawson 19, Umeh 15, Spissu 14, Rosselli 9, Oxilia 4, Spizzichini 8, Michelori 6, Penna, Pajola, Petrovic ne, Rossi ne. All. Ramagli.

La Virtus getta al vento due punti e cade a Ferrara dopo un tempo supplementare al termine di una sfida che era stata condotta per quasi trentotto minuti su quaranta.
L’epilogo dei regolamentari è stato lo specchio della partita: sul 63-65, Soloperto faceva 1/2 dalla lunetta, ma Roderick stoppava la penetrazione dei bianconeri e partiva in contropiede; Spissu riusciva a recuperare da dietro e a far partire il contropiede che premiava Rosselli a meno di otto secondi dalla fine. Time out Ferrara e, sulla rimessa, infrazione di 5”. Nuovo time out, attacco Segafredo sul +3 e fallo per gli estensi. Ancora rimessa, palla persa incredibilmente e, sul contropiede della Bondi, tripla di Moreno ad un secondo dal gong, senza, incredibilmente, che nessuno facesse fallo. Nel supplementare i padroni di casa, d’inerzia, prendevano il match in mano; Rosselli teneva a galla i suoi fino al 76-75 del 43’, poi era il crollo, col parziale finale di 10 a 0.
Nei primi trentanove minuti i felsinei avevano meritato i due punti grazie ad un’attenta difesa che aveva obbligato gli estensi a ben 24 palle perse. Si era partiti con Trullo che alternava uomo e zona adattata, ma la Virtus, nel secondo quarto, aveva la forza di salire a +9 grazie ad un canestro in contropiede di Spizzichini che era arrivato dopo due bombe di Spissu. Nella ripresa si svegliava Bowers che siglava il sorpasso sul 56-55. La successive tripla di Mastellari sembrava accoltellare a morte gli ospiti, ma, in un amen, controbreak di 0-5 con uno dei pochi sprazzi di Umeh. Poi, si arrivava all’epilogo già descritto.
s.m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!