Radio Nettuno

Giro D’Italia 2017, Tejay Van Garderen beffa Mikel Landa ad Ortisei, Grande Doumulin rimane maglia rosa niente attacchi seri da Nibali e Quintana

25 Maggio 2017
Giro D’Italia 2017, Tejay Van Garderen beffa Mikel Landa ad Ortisei, Grande Doumulin rimane maglia rosa niente attacchi seri da Nibali e Quintana

Il riscatto di Tejay Van Garderen e la conferma di Tom Dumoulin, la 18esima tappa del Giro d’Italia numero 100, di  137 chilometri da Moena ad Ortisei con 5 vette da scalare, ha visto due protagonisti e vincitori assoluti.

Lo statunitense ha dato un senso alla sua corsa rosa vincendo una tappa in volata contro un bravissimo e sfortunato  Mikel Landa mentre l’olandese ha dimostrato di meritare la maglia rosa, mentre deludono molto le attese Nairo Quintana e Vincenzo Nibali, che hanno provato solo un paio di timidi attacchi con l’olandese che ha reagito subito,  con i tre che sono arrivati assieme lasciando la classifica, ottima gara per Pinot che arriva terzo ad 8 secondi da Van Gardener e Landa e Pozzovivo che arriva subito alle spalle del francese.

Quintana prova  un attacco assieme ad Anacona non troppo convinto e guadagna soltanto 50-60 metri di vantaggio sul gruppo, prova un attacco in discesa Nibali ma senza esisto con l’olandese che però ha mandato dei segnali chiarissimi ai due contendenti quando mancano solo due tappe di montagne alla conclusione del Giro d’Italia.

Sfruttando il marcamento tra i tre contendenti per la maglia rosa, tutti gli altri sono riusciti ad evadere senza essere contrastati. In particolare, Thibaut Pinot (Fdj) e Domenico Pozzovivo (AG2R) si sono riportati in prossimità della coppia al comando, sempre con Landa e Van Garderen al comando della corsa.

Mikel Landa, come nella tappa di Bormio, ha provato ad impostare la volata di testa in un finale molto contorto: Van Garderen l’ha affiancato nell’ultima curva andando a scavalcarlo nettamente nella volata valida per il primo posto. Pinot ha chiuso al terzo posto, staccato di 8”, davanti a Pozzovivo e Hirt, mentre più indietro sono arrivati Zakarin (24”), Kruijswik e Mollema (entrambi a 34”).

Tom Dumoulin ha controllato in scioltezza e condotto il gruppetto con Nibali e Quintana sul traguardo ad 1’06” dal vincitore, perdendo, abbuoni compresi, 1’02” da Pinot che sostanzialmente è rientrato in lotta per il podio, con meno di 30” da recuperare su Nibali e le giornate peggiori alle spalle,  Adam Yates, arrivato poco dietro, è salito in prima posizione nella classifica dei giovani con Formolo e Jungels che hanno pagato distacchi importanti.

Ordine di Arrivo :

1. Tejay VAN GARDEREN (Usa, Bmc) 3h54’03”; 2. Landa (Spa, Team Sky) s.t.; 3. Pinot (Fra, Fdj) a 8″; 4. Pozzovivo; 5. Hirt (R. Cec) a 11″; 6. Zakarin (Rus) a 24″; 7. Mollema (Ola) a 34″; 8. Kruijswijk (Ola) 9. Dumoulin (Ola) a 1’06”; 10. Quintana (Col); 11. Nibali.

CLASSIFICA GENERALE:

1. Tom DUMOULIN (Ola, Sunweb) 80h00’48”; 2. Quintana (Col, Movistar) a 31″; 3. Nibali (Bahrain) a 1’12”; 4. Pinot (Fra) a 1’36”; 5. Zakarin (Rus) a 1’58”; 6. Pozzovivo a 2’07”; 7. Mollema (Ola) a 3’17”; 8. Kruijswijk (Ola) a 5’48”; 9. Yates (Gb) a 7’06”; 10. Jungels (Lus) a 7’24”.

CLASSICA MAGLIA BIANCA

1 GBR YATES Adam ORICA – SCOTT 80h 07’ 54” 0’ 00”
2 LUX JUNGELS Bob QUICK-STEP FLOORS a 0’ 28”
3 ITA FORMOLO Davide CANNONDALE Drapac a  0’ 53”

MAGLIA AZZURRA :

1 ESP LANDA MEANA Mikel TEAM SKY 189
2 ESP SANCHEZ Luis Leon ASTANA PRO TEAM 108
3 ESP FRAILE Omar TEAM DIMENSION DATA 104
4 COL QUINTANA Nairo MOVISTAR TEAM 64

Ti piace questo articolo? Condividilo!