Radio Nettuno

Giro D’Italia 100, prima maglia rosa all’austriaco Lukas Postlberger

5 Maggio 2017
Giro D’Italia 100, prima maglia rosa all’austriaco Lukas Postlberger

Sorpresa nella prima tappa del Giro d’Italia di 206 chilometri tra Alghero e Olbia, Lukas Postlberger ha vinto la prima tappa dell’edizione numero 100 della corsa rosa, imponendosi sul traguardo di Olbia.

L’austriaco si è reso protagonista della classica fagianata, con il gruppo alle sue spalle che non ha chiuso un piccolo margine di vantaggio che si era creato quasi per caso a circa 3 chilometri dall’arrivo nel tentativo di pilotare il compagno Bennett verso lo sprint.

Neanche il tempo di prendere il via e dopo un paio di chilometri Mirco Maestri (Bardiani – CSF), Cesare Benedetti (Bora – Hansgrohe), Marcin Bialoblocki (CCC Sprandi Polkowice), Pavel Brutt (Gazprom – Rusvelo), Daniel Teklehaimanot (Dimension Data) e Eugert Zhupa (Wilier – Selle Italia) hanno preso margine sul gruppo principale, dando il via alla prima fuga della Corsa Rosa, il gruppo ha concesso spazio sin da subito, con un vantaggio che si è rapidamente portato sui 7 minuti con le squadre dei velocisti (Lotto Soudal, Orica-Scott e QuickStep-Floors) a contenere il ritardo.

Cesare Benedetti, vince i due Gran Premi della montagna e conquista  6 punti per la maglia azzurra dello scalatore, il vento contrario, però, ha messo a dura prova i fuggitivi e il gruppo ben presto è riuscito a rientrare, portandosi ad un distacco inferiore ai 3′ per entrare nei 50 chilometri conclusivi della corsa.

Il gruppo controlla la corsa,  fino alla salita di San Pantaleo di 3 chilometri che hanno portato il gruppo a meno di un minuto di ritardo da Benedetti, che ha vinto anche il quarto Gpm, con le squadre dei velocisti che subito dopo si portano all’attacco per riassorbire definitivamente i fuggitivi, con solo 10 chilometri dall’arrivo, e ai 3500 metri dal traguardo avviene l’aggancio.

Nel finale, però, nessuna squadra è riuscita ad imbastire un vero e proprio treno, con  Lukas Postlberger, della Bora-Hansgrohe, che si è trovato ad avere un leggero margine di vantaggio sul resto del gruppo, indeciso se aspettare la squadra e lavorare per il velocista Sam Bennett, decide giustamente a tirare dritto una volta entrato nell’ultimo chilometro con il buco alle sue spalle che si è allargato senza che nessuno imbastisse un vero e proprio tentativo di inseguimento.

Il 25enne austriaco, in questo modo, ha firmato il secondo successo in carriera andando a vestire la Maglia Rosa di leader della classifica generale. Caleb Ewan ha chiuso in seconda posizione, tirato per lunghe fasi nel finale dal compagno Mezgec, reo di aver concesso quel piccolo margine a Postlberger che poi si è rivelato decisivo, terzo gradino del podio per il tedesco André Greipel (Lotto Soudal), mentre chiude al quarto posto Giacomo Nizzolo (Trek-Segafredo).

Domani altra tappa in teoria per velocisti con i 221 km da Olbia e Tortoli’ con 2 GPM il primo di terza categoria a Nuoro ai 569 mt e ed un GPM di seconda categoria ai 1000 metri di  Genna Silvana ma entrambi lontano dal traguardo di Tortoli’, sicuramente le squadre dei velocisti staranno più attente e non commetteranno disattenzioni come nella prima tappa.

Ti piace questo articolo? Condividilo!