Radio Nettuno

Futuro Rossoblu sul piede di guerra: “Dimettetevi tutti”

7 Febbraio 2014
Futuro Rossoblu sul piede di guerra: “Dimettetevi tutti”

Un comunicato che suona come una vera dichiarazione di guerra: via tutti i dirigenti attuali, immediata ricerca di soggetti in grado di garantire quelle risorse necessarie a garantire al Bologna un futuro all’altezza della sua storia, appello ai giocatori perchè si impegnino al massimo e ai tifosi affinchè sostengano la squadra nella lotta per la salvezza. A firmare i quattro punti sono i componenti dell’Associazione Futuro Rossoblù, la realtà legata al mondo dei tifosi che fa parte della compagine societaria del Bologna. Dopo le perplessità espresse nei mesi scorsi rispetto alla gestione della società, Futuro Rossoblù non lesina parole al veleno per chi si è reso responsabile della “cessione del giocatore più rappresentativo a mercato chiuso“. Di seguito il testo integrale del comunicato.

Il consiglio direttivo di Futuro Rossoblù,  viste le recenti vicende che hanno riguardato il Bologna Fc 1909 di cui l’associazione è socio di minoranza, culminate nella cessione del giocatore più rappresentativo a mercato chiuso, con l’impossibilità di reinvestire sul mercato il corrispettivo incassato, si rivolge agli organi dirigenti della società e chiede quanto segue:

1)      L’andamento del marcato estivo, che ha portato all’allestimento di una squadra  a forte rischio di retrocessione, ed ancor più l’andamento di quello invernale, che lungi dal rinforzarla, ha indebolito ancor più la squadra, rende visibile senza ombra di dubbio l’incapacità dell’attuale nucleo dirigente di gestire le vicende societarie con comportamenti all’altezza della storia e della tradizione del Bologna Fc 1909, ed ancor più della passione di migliaia di tifosi sparsi per il mondo. Chiede pertanto che tutto l’attuale nucleo dirigente, preso atto della propria inadeguatezza rispetto al compito richiesto, presenti senza indugio le proprie dimissioni;

2)      Verificato che Bologna 2010, attuale socio di maggioranza del Bologna Fc 1909, non ha le risorse economico finanziarie per gestire la società, chiede che i soci di Bologna 2010 trovino immediatamente, al loro interno o presso terzi esterni, persone e gruppi economici in grado di dotare la società di quelle risorse indispensabili per riportarla ai livelli che 105 anni di storia e la passione di tanti tifosi impongono. Chiede inoltre che i soci di Bologna 2010, nel  condurre eventuali ma improcrastinabili trattative di cessione delle loro partecipazioni, abbandonino ogni  implicazione personale, privilegiando soltanto il bene e l’interesse della società. In particolare si richiede che le ripicche e le antipatie,  emerse a più riprese nei rapporti tra i soci, siano immediatamente abbandonate, e si richiede inoltre che in eventuali trattative i singoli soci mettano da parte ogni personale intento speculativo.

3)      L’associazione si rivolge ai giocatori della squadra, nessuno escluso, affinché da qui alla fine del campionato essi diano il massimo delle loro capacità tecniche, fisiche e morali, dimostrando in ogni momento il massimo attaccamento alla maglia che tutti loro hanno l’onore d’indossare;

4)      Il consiglio direttivo di Futuro Rossoblù si rivolge infine ai propri associati, e a tutti i tifosi del Bologna Fc 1909, affinché da qui alla fine del campionato non facciano mai cessare il loro sostegno, fatto di amore e passione, ai colori rossoblù. I presidenti, gli allenatori, i giocatori, passano; la maglia, resta“.

m. m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!