Radio Nettuno

Fortitudo – L’Eternedile non sbaglia e vince a Castellanza

7 Febbraio 2016
Fortitudo – L’Eternedile non sbaglia e vince a Castellanza

KNIGHTS – ETERNEDILE 67 – 76

(23-30; 37-45; 52-61)

Legnano: Laudoni 2, Maiocco 7, Palermo 15, Pacher 12, Raivio 11, Navarini 2, Martini 10, Guidi ne, Tognati ne, Sacchettini, Fattori 8, Battilana ne. All. Ferrari

Fortitudo: Daniel 16, Candi 4, Montano 12, Amoroso 8, Flowers 14, Rovatti ne, Quaglia, Campogrande, Sorrentino 4, Raucci 7, Carraretto 3, Italiano 8. All. Boniciolli

Torna a sorridere la Fortitudo che domina a Castellanza, costringendo i padroni di casa alla nona sconfitta consecutiva. I biancoblu sono partiti fortissimo e, sul vantaggio costruito da un ottimo primo quarto, hanno poi ben gestito, con qualche basso, ma anche molti alti, soprattutto in difesa.

Il primo allungo arrivava sfruttando al meglio un antisportivo sanzionato a Pacher (6-16 dopo duecentosettantasei secondi). Un gioco da quattro punti di Montano regalava il +12 all’Eternedile (8-20), ma, con l’inizio delle rotazioni, la difesa felsinea si faceva bucare un po’ troppo facilmente ed i Knights rientravano a -5 (21-26) con due liberi di Raivio. Nella seconda frazione I Lombardi si portavano subito ad un solo possesso sul 30-33, ma le percentuali nel tiro da 3 punti erano insufficienti ed una bomba di Raucci era fondamentale (34-41) per andare al riposo con un margine importante (37-45).

Nella ripresa ancora la difesa della Fortitudo a farla da padrona (Raivio e Pacher assolutamente cancellati dal campo), ma l’attacco latitava e, quando Palermo (il migliore dei suoi) infilava un missile allo scadere dei 24” e Maiocco realizzava in tap in, il tabellone segnava 47-54. Time out Boniciolli e, al rientro, il mattone di Carraretto dai 6,75 che, pisicologicamente, permetteva all’Eternedile di gestire I rimanenti minuti con assoluta serenità (massimo vantaggio al 33’ sul 52-69, grazie ad un Flowers decisamente in ripresa). Legnano aveva il merito di non mollare mai e chiudeva sul -9, salvando la faccia.

Ti piace questo articolo? Condividilo!