Radio Nettuno

Eternedile all’esame Treviso, Boniciolli si aspetta ulteriori progressi

19 Febbraio 2016
Eternedile all’esame Treviso, Boniciolli si aspetta ulteriori progressi

Domenica a Treviso, palla a due ore 14,15 (diretta su SkySport2 e Radio Nettuno), super sfida tra Treviso e Fortitudo.

Matteo  Boniciolli: “La netta vittoria di mercoledì ci conforta e ci ha consentito di preparare con maggior  serenità  la  partita  di  Treviso.  La  nostra  sfida  rimane  la  solita:  entrare  nei  playoff  per  poter  poi approfittare  delle  rotazioni  ampie.  La  mia  serenità  consta  nel  fatto  di  vedere  questi  ragazzi  crescere quotidianamente  attraverso  il  lavoro  in  palestra.  E  il  quotidiano  per  noi,  ora,  significa  cercare  di mostrare ulteriori  progressi  anche  a  Treviso.  Non  faccio  affidamento  sul  fatto  che  i  nostri  avversari  potranno  forse essere più stanchi di noi dopo le fatiche del turno infrasettimanale. Faccio affidamento sulla voglia che la mia squadra ha di migliorarsi allenamento dopo allenamento”.

Stefano Pillastrini, tecnico dei trevigiani, ha un lungo passato da allenatore della Fortitudo, prima nel settore giovanile e poi in A2. “La Fortitudo attualmente ha uno degli organici più forti del campionato, un mix importante di esperienza, talento e gioventù esuberante, una squadra fisica e in forma che verrà a Treviso per fare una grande partita. Rispetto alla partita d’andata sono cambiate molte cose, sia per noi che per loro, quindi la sconfitta di Bologna non fa molto testo anche perché fu una partita che fa storia a sé con problemi di falli  e  infortuni  per  entrambi  che  condizionarono  l’andamento  altalenante  del  match.  Di  certo  dovremo contenere la loro esuberanza fisica, ma sono convinto che la mia squadra sarà pronta in questo senso.  Quella di domenica sarà una partita di grande agonismo e fisicità, una battaglia sportiva.   Noi abbiamo dimostrato quest’anno che, sul piano della tecnica, siamo una squadra di primissimo piano come testimonia la classifica e questa partita con la Fortitudo sarà il miglior test per saggiare se abbiamo imparato anche a tenere botta nelle situazioni in cui, contro squadre esperte e dall’atletismo importante, dobbiamo resistere ai contatti fisici e si giocherà più  di spada che di fioretto. Queste sono le partite dove dobbiamo dimostrare che siamo competitivi ai massimi  livelli anche su questo terreno.  Il  fattore ambientale? Noi siamo abituati ormai a giocare con il Palaverde  pieno,  quindi  non  sarà  un  problema,  anzi,  sarà  importante  per  la  squadra  sapere  che  ci  sarà tantissima  gente  a  sostenerci  e  tutto  un  palasport  ad  aiutare  il  gruppo  a  portare  a  casa  un   altro  grande risultato“.

Ti piace questo articolo? Condividilo!