Radio Nettuno

ESCLUSIVA – Pedrelli: “Bfc, ecco cosa può accadere”

17 Giugno 2014
ESCLUSIVA – Pedrelli: “Bfc, ecco cosa può accadere”

E’ stato direttore generale e segretario del Bologna per tanti anni Stefano Pedrelli. Nell’ultima stagione ha lavoorato a La Spezia ma ora è in cerca di impiego. Nel corso di Scusate l’Interruzione su Radio International Bologna, l’ex dirigente rossoblù è intervenuto per spiegare che cosa attende il Bologna nei prossimi giorni. A cominciare da uno scenario: ma se qualcuno dei creditori presentasse istanza di fallimento che cosa accadrebbe? “E’ successo al Siena nella stagione scorsa. In questo caso devi trovare il modo di chiudere la partita debitoria: subito con soldi o altrimenti con un piano di rientro per rifondare quanto dovuto“. Poi c’è la questione dei pagamenti di Irpef e stipendi: “Il pagamento di stipendi e Irpef fino ad aprile è un requisito necessario per l’iscrizione al campionato. Hai tempo fino al 25 giugno per pagare, altrimenti la tua iscrizione non viene accettata. A quel punto puoi fare ricorso e avresti tempo per iscriverti fino al 15 luglio. Se non ce la facessi nemmeno entro questo termine, non potresti partecipare al campionato“. E se il Bologna continua a non pagare l’Irpef? “Un punto di penalizzazione lo hai già preso, ma nonostante questo quella pendenza va pagata. Se poi non pagherai le successive scadenze (ancora Irpef e stipendi, ndr) rischieresti un altro punto per l’Irpef e due per gli stipendi. Il paracadute dei diritti tv? Il paracadute viene dato a chi si iscrive alla serie B: l’idea è quella di aiutare le squadre al trapasso dalla A alla B, sarebbe un aiuto gestionale per affrontare la serie cadetta. In realtà, ormai viene utilizzato per chiudere i buchi della stagione precedente, non per gestire quella successiva. Purtroppo è così. E alloram stando così le cose, le banche non ti anticipano quei soldi perchè se poi non ti iscrivi o fallisci, non riescono a rientrare“. L’ultima delle questioni aperte è quella delle comproprietà, che dovranno essere risolte entro venerdì: che può succedere al Bologna? “Se trovi l’accordo per risolvere positivamente i soldi vengono messi a disposizione subito, sono scontabili immediatamente perchè sono soldi certi. Nella situazione del Bologna è necessario risolverne quante più possibili con un minimo di provento per la società e un incasso minimo garantito. Altrimenti conviene rimandare quelle più a rischio. Ma da come si sta muovendo, vedo che Filippo Fusco sta lavorando bene“. Alla fine della fiera, il tifoso rossoblù può sperare che la situazione del Bologna evolva verso il sereno? “Dai segnali che percepisco sono ottimista, mi pare anche che lo sia lo stesso Andrea Abodi, presidente della Lega di serie B. Stanno lavorando per trovare una soluzioen che dia tranquillità per la prossima stagione, continuiamo ad essere ottimisti“. E il futuro di Pedrelli quale sarà? “Per adesso sto prendendo tutto con calma, vorrei una società con una situazione tranquilla, anche se nel calcio di tranquillo non c’è nulla. L’esperienza allo Spezia? Come sempre, la giudico positivamente, perchè da ogni esperienza cerco di prendere gli aspetti migliori, quelli che mi fanno crescere“.

m. m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!