Radio Nettuno

Dopo un lungo stop, “rinasce” il PalaSavena a San Lazzaro

5 Ottobre 2017
Dopo un lungo stop, “rinasce” il PalaSavena a San Lazzaro

È stata approvata nell’ultimo Consiglio comunale la convenzione con la Città metropolitana per la cessione in uso al Comune di San Lazzaro del PalaSavena. Un risultato importante che, assieme al bando per l’assegnazione dell’impianto, ha permesso di ridisegnare la mappa dello sport a San Lazzaro e dare risposta alle esigenze di tutte le associazioni che hanno fatto richiesta di spazi sul territorio.
Il percorso intrapreso è stato presentato dal sindaco di San Lazzaro Isabella Conti, dal consigliere metropolitano con delega all’Edilizia scolastica Daniele Ruscigno, dall’assessore al Patrimonio Michele Cristoni, dal dirigente dell’IIS Majorana Sergio Pagani e dai rappresentanti delle Ati (associazioni temporanee di impresa) che si sono aggiudicate gli spazi del PalaSavena, Cesare Savigni e Gaetano Cristiano.
Sembrava impossibile, ma ce l’abbiamo fatta – esulta il sindaco Conti – il PalaSavena rinasce a nuova vita e lo fa grazie a un progetto legato allo sport e al tempo libero”.
Il Palasavena è stato uno dei primi investimenti della neonata Città metropolitana – aggiunge Daniele Ruscigno –. Questa forma di collaborazione a più mani nonché l’impegno di enti locali e realtà del territorio, sarà fondamentale per utilizzare appieno l’impianto, ma anche per superare la cronica scarsità di risorse del settore e per dare una risposta più ampia e articolata alle esigenze scolastiche, sportive e sociali del territorio”.
Firmata la convenzione con la Città metropolitana, ad aggiudicarsi gli spazi attraverso il bando del Comune è stata una cordata di società sportive e commerciali, che garantiranno, accanto all’uso del PalaSavena come palestra scolastica e sportiva, una nuova vocazione dell’impianto per i grandi eventi. Questo tipo di collaborazione ha consentito anche un investimento di 800mila euro sulla struttura per lavori di ristrutturazione.
Il PalaSavena è quindi diventato la nuova casa di tre associazioni sportive: la squadra di basket in carrozzina I Bradipi, la Csr Ju-Jitsu e la polisportiva Atlas.
Da malati di sport quali siamo – spiega Cristiano, presidente di Csr Ju-Jitsu e referente dell’Ati sportiva – questa per noi è una grande opportunità. L’Ati sportiva è formata da realtà diverse, ma unite nell’amore per lo sport: ci sono i Bradipi, campioni del basket in carrozzina, con un progetto dalla grande valenza sociale, la polisportiva Atlas che si occupa di fitness a tutto tondo e noi del Ju-Jitsu, che abbiamo in essere progetti con le scuole contro il bullismo, ma anche percorsi per la difesa personale delle donne. Non mancheranno neanche gli appuntamenti importanti, come ad esempio gli Open italiani di Ju-Jitsu e gli Europei di categoria”.
Le tre associazioni sportive si sono aggiudicate la gara di assegnazione degli spazi assieme a un’Ati commerciale che si occuperà degli investimenti sulla struttura, che ammontano a 800mila euro. Un team che vede in prima linea S.E.I. Servizi, Publieventi S.r.l., Consorzio Sintesi e PFM Scrl.
Sappiamo che si può coniugare lo sport con i grandi eventi – spiega Savigni di S.E.I. Servizi – eventi in grado di attirare un grande pubblico e di creare indotto sul territorio. Il PalaSavena è un ‘contenitore’ ideale per questo tipo di attività, forte dei suoi 2.500 posti e della sua centralità, consentendo allo stesso tempo di dare risposte a tutte le realtà sportive del territorio. Abbiamo le carte in regola per valorizzare questa importante struttura e lo dimostreremo”.
A completare la “Squadra PalaSavena” non poteva mancare la scuola: l’impianto è infatti la palestra scolastica dall’IIS Majorana e continuerà ad essere il polo di riferimento dell’istituto.

Ti piace questo articolo? Condividilo!