Radio Nettuno

Fenucci: “Siamo in linea, riprenderemo il nostro cammino”

7 Dicembre 2016
Fenucci: “Siamo in linea, riprenderemo il nostro cammino”

“Il Momento non è facile, però siamo fiduciosi nel lavoro della squadra e dello staff tecnico e nella professionalità che i ragazzi stanno dimostrando,sia in campo che negli allenamenti. Siamo sicuri che questo momento passerà e riprenderemo il nostro cammino”. Queste le parole dell’amministratore delegato Claudio Fenucci ospite al Temporary Store allestito presso il padiglione 29, al Motorshow.

Nonostante i risultati, sopratutto nelle ultime giornate, abbiano faticato ad arrivare, il materiale su cui lavorare e gli obiettivi da raggiungere ci sono:“E’ una squadra giovane, con alcuni elementi di esperienza in ogni reparto. I giovani vanno aiutati a crescere, è nelle loro caratteristiche fare delle prestazioni positive e talvolta meno. Però la qualità della rosa è quella che ci eravamo prefissati all’inizio dell’anno. Poi qualche infortunio di troppo ha lievemente ostacolato il cammino della squadra,ma siamo fiduciosi che il percorso futuro sarà migliore  rispetto a quello delle ultime domeniche.”

Cosa rispondere alle numerose voci che dicono che il campionato del Bologna non ha obiettivi?
“L’obiettivo primario c’è: rimanere in serie A. Tutte le squadre vogliono togliersi il problema dei 40 punti il prima possibile e poi guardare oltre. Abbiamo iniziato un percorso di crescita che ci deve portare ad altri traguardi. Non scordiamoci da dove veniamo. Noi abbiamo individuato degli obiettivi, vogliamo essere competitivi in maniera strutturale. Oggi siamo in una fase di crescita del progetto tecnico e societario.”

Si sa, perdere non piace a nessuno e la sconfitta di Udine non ha certamente portato gioia dall’altra parte dell’oceano ma, nonostante ciò: “Saputo credo sia soddisfatto. Fino ad oggi siamo in linea con ciò che ci eravamo prefissati. Ad oggi siamo a 8 punti dalla zona retrocessione e  siamo a 6 punti dal nono posto: preferisco guardare il bicchiere mezzo pieno.

Ciò che non riguarda la prima squadra, a volte pare passare in secondo piano per i non addetti ai lavori: “mi aspetto una crescita individuale di ogni singolo giovane, perché  non possiamo reggere, ogni anno, un investimento  su nuovi calciatori. Dobbiamo valorizzare i nostri ragazzi e stiamo facendo un buon lavoro anche all’interno del settore giovanile a cui stiamo dedicando risorse economiche e  ci stiamo adoperando per la creazione di strutture nuove e adeguate per il lavoro da svolgere.”

E.F

Ti piace questo articolo? Condividilo!