Radio Nettuno

Basket – Il punto sul campionato di Promozione

5 Febbraio 2014
Basket – Il punto sul campionato di Promozione

Si anima il campionato con alcuni duelli da gustare. Nel girone C continua il botta e risposta tra Masi e Bologna Basket 2011 (Munzio non è più il tecnico degli ex harleyisti): entrambe le formazioni hanno superato due agguerrite inseguitrici come Sport Junior 2000 ed Atletico. Nel D il Molinella aveva perso nel posticipo ad Argelato, ma, superando la Vis Ferrara, mantiene la testa in attesa dello scontro diretto con la Stefy di coach Scandellari (sorprendente il +38 contro i Diablos). Ad est i Titans vincono lo scontro diretto con Ravenna, ma non ribaltano la differenza canestri.

GIRONE C

SCHIOCCHI BALLERS – VANINI 70 – 53
(22-17; 40-32; 52-47)
SB Modena: Flamini 1, Alsina 8, Binotti 10, Sangermano 8, Berardi 4, Macchelli, Twun 6, Zotta 12, Carretti 21, Carboni. All. Espa.
Horizon: Marini 3, Vanini 6, Vanelli 6, Neri 16, Cavicchini 2, Pasquali, Guccini 8, Menichetti 10, Lamberti 2, Varotto. All. Muscò.
Gli Schiocchi tornano alla vittoria con una prestazione concreta. Controllano bene la partita fin dall’inizio, solo sul finire del terzo quarto hanno un leggero calo (gli ospiti si portano a -5), ma rientrano bene in campo nell’ultimo periodo e chiudono subito il discorso. Buona prestazione di tutti gli elementi e buon gioco di squadra in attacco, impreziosito anche da alcune spettacolari assistenze. Spicca il 21 a referto di Carretti sempre prezioso nel pitturato, la quasi doppia doppia di Capitan Binotti (10 punti e 9 rimbalzi), oggi anche concreto al tiro e la classe di Alsina che sta ritrovando fiducia nel gioco di gambe.

SPORT JUNIOR – MASI 48 – 54
(13-21; 27-29; 39-45)
Sport Junior 2000: Brognara 11, Vecchiatini 6, Ceresi 3, Rinaldi 4, Tinti 11, Trenti, Gandolfi, Cavalieri 5, Jaboli 6, Tinti 2. All. Bulgarelli.
Masi Casalecchio: Campazzi 2, Sechi, Gruppioni 2, Forni 8, Di Marzio 18, Selvi 6, Cavana 5, Zappoli 5, Stagnoli, Conti 8. All. Guidetti.
Vittoria esterna importante in chiave primato per la Masi. Dopo il veemente avvio biancoverde (4-19 al 7’), i padroni di casa reagivano e, con un parziale di 12 a 0, mettevano la testa avanti sul 25-23 al 19’. Da quel momento era un botta e risposta, con i casalecchiesi che prendevano un paio di possessi di vantaggio alla fine del terzo quarto che venivano, poi, brillantemente difesi nella frazione conclusiva.

BOLOGNA BK 2011 – ATLETICO 93 – 80
(20-22; 38-45; 65-58)
Bologna Basket 2011: Grassitelli 20, Mondini 2, Bendini 6, Gargioni 13, Ronchi 10, Agnoletti 18, Santi 6, Conti, Cerri 11, Valenti 7. All. Midulla.
Atletico: Nanni 2, Poluzzi 15, Gherardi 12, Artese 13, Proto 4, Mallawa, Sant 17, Romano 3, Martelli, Veronesi 14. All. Pietrantonio.

SP VIGNOLA – CSI SASSO MARCONI 69 – 44
(20-15; 29-29; 49-36)
Scuola Pallacanestro Vignola: Ganugi 11, Badiali 14, Pancaldi 2, Mariani 10, Canelli 1, Pantaleo 4, Sganzerla, Guidotti 15, Franchi 12, Malagodi. All. Smerieri.
Csi Sasso Marconi: Cremonini 1, Grande 2, Perrina, Rillo 2, Romano 2, Truppi 5, Neretti 4, Magnani 2, Mutolino 10, Bellodi 16. All. Borghesani.

IMA BASKET – ELLEPPI 47 – 74
(20-13; 31-41; 41-61)
Ima: Ariatti, Bragaglia 4, Lungarella 4, Nasci 5, Foti 5, Piccardi 7, Riccobaldi 4, Quercioli, Lucchini 8, Dondi 10. All. Mazza.
Elleppi: Masetti 8, Marino 4, Carrera 22, Perrulli 8, Ascari 11, Sakho, Pozzi 3, Bonetti 18, Franzioni, Cameranesi. All. Leonardi.

F.FRANCIA – MONTEVENERE 2003 05/02 – 21:20 Pal. Deserti – ZOLA PREDOSA (BO)

CLASSIFICA
Masi Casalecchio 26; Bologna Basket 2011 24; Atletico Bologna 18; Sport Junior Bologna, Francesco Francia Zola*, Schiocchi Ballers Modena, SP Vignola 14; CSI Sasso Marconi, Elleppi Bologna 12; Montevenere Bologna* 10; Pgs Ima Bologna 8; Vanini Horizon Bologna 2.

GIRONE D

PGS WELCOME – AUDAX 74 – 70
(21-17; 34-38; 49-54)
PGS Welcome: Lamborghini L. 32, Ferraretti 2, Capelli 10, Ahmethodzic 2, Pirani, Sabbioni 6, Brunelli, Palmieri 12, Calzolari, Ferrari 10. All. Lamborghini R.
Audax Ferrara: Lacandela 9, Pigozzi 22, Marabini 15, Felletti 4, Bertasi, Ferrarini 8, Bianchi 4, Aprea 2, Grenzi 2, Ferraresi 4. All. Mancin.
Forse la Welcome pensava di trovare la stessa formazione battuta facilmente nella partita d’andata, ma così non è stato. L’Audax, fin dall’inizio, non è parsa così arrendevole, aiutata pure dal trovarsi di fronte una formazione che ha difeso come si deve solo negli ultimi 6’, imprimendo il suo gioco per lunghi tratti. Tra i bolognesi per tre quarti di partita il solo Lamborghini ha retto alla grande, tenendo a galla la sua squadra nei momenti più difficili sia come realizzatore che come leader. All’avvio l’Audax parte forte con Pigozzi e Marabini portandosi sul 9 a 4, mentre nella PGS parecchi sono gli errori in fase offensiva, lasciando al solo Lamborghini il compito di ribattere (nel quarto già 15 punti). Nel secondo quarto Lamborghini e Palmieri portano a +5 il loro team, ma ancora Pigozzi e Marabini recuperano lo svantaggio portando la loro formazione sul +4. Dopo il riposo gli ospiti spingono sull’acceleratore sfruttando alcune incertezze difensive degli avversari e, con due bombe consecutive di Lacandela, raggiungono il vantaggio massimo nella gara: 48 a 41. Nell’ultimo quarto il trend della gara cambia a circa 6’ dal termine, Ferrari e Lamborghini recuperano fino al -1, poi è Capelli ad uscire alla distanza con due realizzazioni dai 6,75 che, a 24” dal termine, portano la Welcome sul 70 a 65. A 13” c’è ancora una bomba di Ferrarini (71 a 68), ma la partita è ormai chiusa e Lamboghini e Palmieri la conducono in porto senza particolari problemi.

STEFY – DIABLOS 87 – 49
(20-12; 46-22; 68-39)
Stefy: Gagliardi 11, Bertacchi 6, Bergami 3, Francia 12, Cabuli 7, Poli 7, Suero 4, Vittuari 18, Tradii 13, Mannini 6. All. Scandellari.
Sant’Agata Bolognese: Belosi 2, Violi 2, Terzi 5, Girotti 4, Patelli 2, Ayiku 10, Ballotta 9, Bruni 2, Pezzin 13, Cazzoli. All. Sacchetti.

MOLINELLA – VIS FERRARA 70 – 52
(26-14; 44-29; 56-38)
Molinella: Vignudelli 8, Fusetti 6, Gaddoni 5, Ricci 23, Pazzaglia, Testi 4, Lazzari 10, Tagliavini 3, Gualandi 2, Trippa 9. All. Baiocchi.
Vis Ferrara: Benetti 2, Bolognesi 10, Munaron 2, Bedetti, Caselli 6, Busacca 7, Malaguti, Gardenale 15, Merlo 6, Campi 4. All. Cesaretti.
Brutta sconfitta per la Vis Ferrara 2012 che non riesce ad allungare la striscia di 10 vittorie consecutive in trasferta sul difficile campo di Molinella. Vissini che pagano dazio soprattutto a causa di un opaco inizio partita, con una difesa ancora imbambolata mentre i padroni di casa trascinati da un Ricci in serata super scavano il solco decisivo che manterranno fino alla fine. Con una percentuale di tiro surreale nei primi dieci minuti Molinella insacca 5 triple (delle nove finali) e trova canestri facili dalle mani di tutti, costringendo la Vis già alla doppia cifra di scarto a fine primo quarto: 26-14. Icos costretta a soffrire anche nel secondo parziale, annichilita dall’ottima percentuale realizzativa di Molinella che arriva a sfiorare il +20 iniziale, rintuzzato per quanto possibile dalla Vis che chiude in affanno ma ancora mentalmente in partita un primo tempo da incubo: 44-29. Nella ripresa è un’altra Vis quella che scende in campo: più determinati e rabbiosi, i ragazzi di coach Cesaretti provano a gettare il cuore oltre l’ostacolo, arrivando con l’inerzia a favore sul -10 tenendo Molinella ancora a secco di canestri (44-34 al 26’). Partita che nel frattempo si è fatta maschia e comincia ad affiorare un po’ di nervosismo nell’aria. Ed è così che nel momento di svolta del match due falli tecnici sanzionati uno di fila all’altro alla panchina di Ferrara per proteste, chiudono definitivamente i giochi con Molinella brava e cinica a trovare punti e fiducia dalla linea del tiro libero. Padroni di casa che ritrovano ritmo anche in attacco, ritornando a sfiorare il +20 di scarto a fine terzo quarto: 56-38, amministrando poi in tranquillità gli ultimi 10’ fino al suono della sirena finale.

MEDOLLA – HAPPY BASKET 68 – 59
(15-13; 34-28; 52-45)
Medolla: Galeotti 11, Maini Al. 16, Tralli 7, Giannetti 3, Ceretti 4, Spinelli 2, Nussbaum, Barbieri 15, Aldrovandi 5, Maini An. 5. All. Ganzerli.
CastelMaggiore: Pellegrino 9, Nanetti 9, Baraldi 9, Monteventi, Tolomelli 8, Bonora ne, Mancini 6, Giunchedi 13, Graziosi 3, Tugnoli 2. All. Ansaloni.

BIANCONERIBA – ARGELATO 57 – 76
(12-18; 25-37; 38-53)
Baricella: Cuoghi 2, Gnudi 7, Cerro 10, Zinoni 5, Calandriello 4, Vaianella, Campioni 4, Zanetti 11, Ferrara 2, Dini 12. All. Folchi.
Argelato: Benassi 14, Risi 5, Fontanella 6, Gadani 9, Accorsi 9, Fantini 10, Conti 4, Fabulli 2, Trigari 8, Nannetti 9. All. Iattoni.

FINALE EMILIA – PEPERONCINO RINVIATA

CLASSIFICA
Molinella 28; Stefy Bologna* 24; Vis Ferrara 22; Argelato 20; Medolla** 18; Diablos S.Agata Bolognese, Sport Insieme Bologna, Pgs Welcome Bologna 14; Peperoncino Castello d’Argile, Bianconeriba Baricella, Happy Basket Castelmaggiore 8; Audax Ferrara* 4; Finale Emilia 2.

GIRONE E

GIALLONERO – FAVENTIA 50 – 70
(18-19; 22-33; 41-50)
Giallonero Imola: Calamelli, Dall’Osso 13, Pederzoli 9, Costa, Poliuti, Selvatici 4, Sgatti, Dalmonte 15, Sassi 10, Ciarlatani. All. Carletti.
Faventia Faenza: Ceroni, Graziani 1, Morsiani 14, Tanesini Ramadhani 5, Boattini 6, Liverani 9, Conti 14, Assirelli 2, Pini, Ercolani 19. All. Morigi.

SERENA 80 – RACOMEL 66 – 56
(15-12, 32-23, 44-47)
Serena’80: Bernardoni 13, Dettori 8, Di Pasquale 2, Fortuzzi 4, Franceschini 14, Maestri 2, Quarantotto 11, Rizzardi 6, Tacconi 6. All. Benini.
Giardini Margherita: Bariani 2, Poluzzi, Marcelli 9, Grandi 7, Carafa 13, Racanelli, Stefani 3, Ferdeghini 10, Baldazzi, Sangiorgi 12. All. Lanzi.
Una vittoria era quello che ci voleva ai padroni di casa per cancellare i brutti ricordi della settimana precedente. Il risultato sperato è stato ottenuto nonostante le difficoltà derivanti da assenze importanti nella Serena 80 e per la tecnicità degli avversari che hanno alternato tante difese diverse per tutti e quaranta i minuti. Il primo tempo è ad appannaggio del Serena’80, il punteggio resta basso ma nonostante le iniziali difficoltà i padroni di casa riescono a trovare un vantaggio di nove lunghezze grazie anche ai problemi di falli che attanagliano i lunghi avversari. L’alternanza della difesa ad uomo con la difesa 2-3 rallenta la marcia dei padroni di casa che, in ogni caso, riescono a trarre grandi vantaggi in difesa con un ritmo molto elevato che causa molte palle perse agli ospiti. La partita è quindi sul punteggio di 32-23 quando le squadre rientrano in campo e sembra che la Serena 80 possa gestire sia gli attacchi contro la difesa a zona che contro la difesa ad uomo, ma l’arma che tanto aveva aiutato i granata nei primi due quarti sembra venire meno e gli ospiti prendono grande fiducia annullando lo svantaggio in soli cinque minuti. Manca ritmo difensivo e soprattutto offensivo, la difesa pressante a tutto campo viene scardinata con molta facilità dai play avversari e i lunghi banchettano vicino a canestro cogliendo anche facili secondi tiri da rimbalzo offensivo. Fortunatamente il quarto termina, i padroni di casa rincorrono, ma c’è ancora tempo per recuperare, il tabellone segna 44-47. Finalmente i cinque in campo cambiano faccia e il ritmo torna ad essere quello visto nel primo tempo. La partita torna in sostanziale parità. Qualche canestro dalla media distanza restituisce anche la fiducia al tiro, ora gli ospiti sono in affanno, perdono compattezza e regalano qualche fallo di troppo ai padroni di casa. Dalla lunetta le mani dei granata non tremano e, punto dopo punto, si costruisce un vantaggio di sette lunghezze. Timeout per i Giardini Margherita, rimessa dal lato in zona offensiva e bomba ben costruita da più di sette metri di distanza. Ora gli ospiti ricorrono al fallo sistematico, ma dalla linea della carità c’è ancora molta precisione per il Serena’80, il vantaggio non scende al di sotto delle sei lunghezze e i granata mettono in ghiaccio la partita.

BASKET’95 – SELENE 39 – 49
(13-7; 18-19; 28-35)
Faenza: Burbassi 5, Campanini, Romboli, Fabbri 1, Laghi 2, Ceroni 6, Pantani 13, Bombardini, Rosti 4, Belosi 8. All. Tesei.
Sant’Agata sul Santerno: Minardi 4, D’Adamo 3, Sgalaberna, Simoni 10, Lucchi, Vannini 4, Morigi, Baldrati 2, Crisà 15, Amari 11. All. Creti.

ISIS – CASTEL SAN PIETRO 50 – 68
(13-19; 29-38; 46-53)
Lugo: Scardovi M. 10, Baroncini 2, Vergani 4, Zanoni, Pasquali 14, Martini, Mastrilli 8, Marchetti 7, Scardovi E., Bazzocchi 5. All. Nieddu.
Castel S.Pietro: Magurno, Graziani 17, Calzolari, Naidi 6, Manaresi 4, Ferrari, Vinera 25, Albertazzi 1, Conti 15. All. Martinelli.

TITANS – SPEM MATTEI 57 – 44
(6-15; 25-23; 37-36)
Titans Ozzano: Finessi 17, Rossi 4, Cairo 1, Fioravanti 8, Mungiguerra 4, Cucinotta 2, Boletti 5, Gardotti, Fiumi 13, Romanelli 3, All. Torrella.
Ravenna: Bianchini 4, Basaglia 18, Montanari, Vistoli 4, Cirillo, Beltrami 2, Lucchi, Dardozzi 10, Senni 2, Morigi 4. All. Focarelli.
Partita di grandissima intensità, brutta per chi viene al Palagira sperando in difese allegre e basket alla Mike D’Antoni, stupenda invece per gli amanti dell’agonismo, dell’intensità, della tensione, dei tuffi sul parquet per recuperare un pallone vagante. Tensione che di fatto, gioca brutti scherzi ai padroni di casa, che partono contratti e con la paura di giocare una partita del genere; differente invece l’ingresso della Spem, più abituata alle vertigini dell’alta classifica, precisa nell’esecuzione dei giochi e chirurgica nel trovare l’uomo libero prima sul perimetro e poi dentro l’area: risultato 2-15 dopo 7’. L’ingresso di Fioravanti dà linfa agli ozzanesi, ed una sua tripla fortunosa di tabella accende il pubblico di casa e da fiducia ai compagni; si stringe in difesa ma in attacco ancora languono le bocche da fuoco dei padroni di casa ed il primo quarto va in archivio sul 6-15 Ravenna. Pronti via ed il secondo periodo è dominio Titans, con Fiumi, Boletti e Finessi a trascinare la rimonta, davanti a suon di triple e piazzati dai 5mt. e la zona 2-3 dietro ad arginare i lunghi ravennati a rimbalzo, concedendo tiri da fuori contrastati e senza ritmo. Il PalaGira diventa una bolgia e la partita si accende ancor di più sul piazzato di Boletti che da il primo sorpasso Titans a 2’ dall’intervallo lungo. Si chiude il secondo quarto sul 25-23 Ozzano ed inerzia completamente ribaltata. La terza frazione, se si può, scalda ancora di più gli animi del PalaGira ed in un amen tecnico+antisportivo fa volare Ravenna al +7, sostanzialmente senza mai segnare dal campo; qui la grande crescita del collettivo ozzanese sotto il profilo della maturità. I Titans, nella terza frazione, concedono appena due canestri dal campo ed a 10’ dal termine comandano di un punto (37-36). Ultimo quarto di gioco, con Ravenna completamente fuori ritmo in attacco, ma capace anche lei di aggrapparsi alla difesa per restare a galla, in queste condizioni è evidente che sono gli episodi a decidere, e così è con Finessi, vero mattatore di serata ed MVP della partita, che decide di mettersi in proprio, a 2’ dalla fine, con la bomba del +5 e, nell’azione seguente, assist al bacio per Rossi, che realizza e subisce fallo. La partita è chiusa e, con i falli sistematici, i padroni di casa hanno anche l’occasione di ribaltare il -15 dell’andata, senza, però, riuscirci.

HORNETS – PARTY&SPORT 49 – 56
(15-12; 25-29; 33-40)
Hornets: Zanasi 2, Lambertini, Palermo 7, Caruso 12, Casali 8, Minghetti, Mengoli 5, Cuppini, Zanarini 8, Bastia 7.
P&S Ozzano: Rossi, Lollini 4, Girgenti 10, Sabattini, Zerbini 9, Lazzari 11, Pierantozzi 5, Tabellini 2, Giove 8, Zocca 7. All. Morigi.

CLASSIFICA
Titans Ozzano 24; Mattei Ravenna 22; Selene Sant’Agata sul Santerno 18; Serena’80 Bologna, Basket&Party Ozzano 16; Basket’95 Faenza 14; Isis Lugo, Castel San Pietro, Faventia Faenza 12; Giardini Margherita Bologna 10; Hornets San Lazzaro 8; Giallonero Imola 4.

Ti piace questo articolo? Condividilo!