Radio Nettuno

Baseball – Rabbia Fortitudo, San Marino va in finale

8 Settembre 2013
Baseball – Rabbia Fortitudo, San Marino va in finale

Dopo oltre tre ore e mezzo e dieci inning, San Marino sconfigge l’Unipol per 4-2 e accede alla finale Scudetto dove sfiderà Rimini.
La gara s’è decisa su episodi: dopo cinque attacchi ospiti che in più occasioni hanno fatto venire dei brividi al buon pubblico presente al “Falchi”, era la Fortitudo a passare in vantaggio: Liverziani apre con un singolo al centro e, mentre Bischeri gira a vuoto un cambio di Da Silva, Liverziani ruba la seconda. Bischeri tenta il bunt, ma Mazzuca legge benissimo l’intenzione dell’avversario ed è sulla palla in un attimo. Liverziani non si può muovere dalla seconda e Bischeri è il primo out in prima. Ermini alimenta l’attaco un singolo al centro sul quale Liverziani si ferma in terza. Con i corridori agli angoli, Da Silva si libera di Sabbatani in tre lanci, ma Fuzzi piazza una rimbalzante tra Pantaleoni e il cuscino di terza che porta Liverziani a casa ed Ermini in terza. San Marino decide di mandare in base intenzionale Infante e lo strike out di Nosti chiude la ripresa.
Il pareggio arriva immediato. Duran apre il sesto attacco di San Marino con un singolo a destra. Richetti si porta sul conto pieno con Reginato, che poi è il primo out al volo da Reyes. Mazzuca tocca lungo a sinistra, dove Ermini arriva per la presa al volo in tuffo che vale il secondo out. Duran ruba la seconda con Imperiali in battuta e senza che la difesa provi a eliminarlo. Sul conto di un ball e 2 strike, Duran pare in rubata verso la terza. Imperiali batte nel buco tra terza base e interbase, dove Infante arriva, mentre Duran gira deciso verso casa. L’interbase di Bologna prova l’assistenza in prima, ma Imperiali è salvo e Duran pareggia.
All’inizio del settimo Junior Oberto prende il posto di Richetti sul monte di Bologna e inizia la sua partita con 4 ball ad Avagnina. Il sacrificio di Pantaleoni porta Avagnina in seconda. Vasquez batte una radente che Infante riesce a fermare poco oltre il diamante, senza però avere la possibilità di tentare l’assistenza in prima. Con i corridori agli angoli, Ramos alza una volata corta, sulla quale arriva con una gran corsa Reyes, che ottiene il secondo out al volo e ferma Avagnina in terza. Reyes addomestica anche la linea di Duran e la trasforma nel terzo out.
Il settimo attacco di Bologna si apre con in singolo di Bischeri a sinistra. Ermini appoggia il davanti a Da Silva, che azzarda l’assistenza in seconda e trova un out regalato dal Sig. Taurelli, dal momento che Bittar aveva ricevuto l’assistenza fuori dalla base.
San Marino passa per la prima volta in vantaggio all’ottavo. La partita di Oberto finisce sui 4 ball a Reginato e sul monte sale per l’Unipol Mattia Barbaresi. Mazzuca sposta il corridore con un bunt e la volata a destra di Imperiali, colta al volo da Liverziani, porta Reginato in terza. Sulla fortunosa rimbalzante di Bittar, Infante deve avanzare, ma quando assiste in prima Bittar è salvo e sull’azione Reginato segna il secondo punto della T&A. Al cambio campo, con un out, Nosti batte valido a sinistra. Con Vaglio nel box, il designato è il secondo out in prima sul pick off di Da Silva. Sulla secca rimbalzante di Vaglio, Bittar è bravo a fermare la battuta in tuffo. Il suo tiro in prima è ben oltre il cuscino e Vaglio prosegue fino in seconda. Con Reyes in battuta, Vaglio tocca la terza su lancio pazzo. La rimbalzante di Reyes trova però pronto Imperiali ai limiti della terra rossa e il tiro in prima vale il terzo out.
Al nono Da Silva supera il limite dei 100 lanci andando sotto nel conto (3 ball-1 strike) con Liverziani. Colpito da un foul ball, l’arbitro capo Pizziconi deve abbandonare la partita. La gara prosegue con 3 arbitri e a casa base si sposta Screti. Liverziani è il primo out al volo a destra. Bischeri batte una rimbalzante di routine, ma il tiro verso la prima di Bittar è corto e il prima base Fortitudo arriva salvo. Il singolo di Ermini a sinistra porta il pinch runner Malengo in terza. Il rilancio di Avagnina è impreciso ed Ermini guadagna la seconda. Il singolo al centro di Sabbatani pareggia la partita e porta Ermini, potenziale punto della vittoria, in terza. La battuta di Fuzzi su Imperiali viene, però, trasformata in un doppio gioco e si va agli extra-inning.
Con un out, Reginato riporta in vantaggio la T&A al decimo. Il catcher trasforma infatti il quinto lancio di Barbaresi in un fuoricampo al centro. La partita di Barbaresi finisce sulla base ball a Mazzuca e in pedana sale Fabio Milano. Il mancino coglie Mazzuca lontano dal cuscino di prima, ma il corridore del San Marino punta verso la seconda e arriva salvo sull’errore di Infante. Dopo la base a Imperiali, Bittar batte sul seconda base. L’assistenza di Vaglio a Infante vale il secondo out, ma il tentativo di chiudere l’inning con un doppio gioco va oltre il cuscino di prima e Mazzuca passeggia a casa per il punto del 4-2. Al cambio campo Luca Martignoni prende il posto di Da Silva in pedana di lancio. L’attacco Fortitudo inizia con la base a Infante. Arrivano però rapidamente 2 out: Nosti è al volo dall’esterno centro e Vaglio dal prima base in zona di foul. Quando Reyes entra nel box, rappresenta comunque il potenziale punto del pareggio. Sul secondo lancio Martignoni lo colpisce. Liverziani, sul conto pieno, alza un pop che Duran raccoglie al volo, mandando la T&A in finale.

Ti piace questo articolo? Condividilo!