Radio Nettuno

Alexander Isak 1999 attaccante formidabile

21 Dicembre 2016
Alexander Isak 1999 attaccante formidabile

Nome: Alexander Isak

Luogo di nascita: Stoccolma (Svezia) 21/09/1999

Ruolo: Prima Punta

Piede Destro, 190 cm e 80 kg, squadra Aik Solna

 

Il nuovo nome da tenere d’occhio nell’infinito settore giovanile svedese è quello del centravanti Alexander Isak, nuova stella dell’AIK  classe ’99, il ragazzo e’  nato e cresciuto a Stoccolma, facendo tutte le trafila delle giovanili della più importante squadra della sua città.

Gli ottimi risultati nel settore giovanile ottenuti lo portano ad aggregarsi nel precampionato con la squadra maggiore e il suo coach Andreas Alm lo mantiene nella rosa della prima squadra.

E alla seconda giornata  di campionato viene messo subito in campo dal primo minuto e lui segna subito un gran gol al volo firmando lo 0-2 finale, da quel momento non si è più fermato segnando con grande continuita’ in 25 partite 11 gol e 5 assist, ha bruciato ovviamente tutte le tappe in nazionale prima esordendo nella under 16 e nella under 17 nel 2015 segnato 10 gol in 20 partite e dal 2016 fa parte della nazionale under 21 si sta parlando anche di una sua convocazione in un amichevole con la nazionale maggiore.

Nato a Stoccolma il 21 settembre 1999, fisicamente molto alto 190 cm nell’ultimo anno si è potenziato molto mettendo su qualche chilo di muscoli, e’ molto bravo ad anticipare i difensori avversari, ha un buon passaggio e precisione al tiro, giocatore mobile spazia molto non lasciando punti di riferimento alla difesa, anche se Ovviamemte si trova a suo agio all’interno dell’area di rigore.

Forte mentalmente, non ha paura di contrastare e puntare l’uomo quando ce nè bisogno, buona velocità palla al piede e discreto colpo di testa e molto rapido nelle accelerazioni.

Ovviamente Isak e’ già seguito da tante squadre inglesi e tedesche visto il suo grande talento rispetto alla sua giovane età, l’AIK ha provveduto a fargli firmare un contratto più remunerativo con scadenza al 31/12/2018 sicuramente nel giro di 12 mesi lo vedremo in campionati più competitivi difficilmente in quello Italiano.

Ti piace questo articolo? Condividilo!