Radio Nettuno

World Baseball Classic, grandissima vittoria dell’Italia che batte il Messico per 10-9

10 Marzo 2017
World Baseball Classic, grandissima vittoria dell’Italia che batte il Messico per 10-9

Un’Italia incredibile regala una grandissima gioia ai tifosi di questo magnifico sport battendo i padroni di casa del Messico (come era già successo nel 2013) a Jalisco, con il punteggio di  10-9  e conquistando la prima vittoria nel gruppo D del World Baseball Classic 2017.

Un successo leggendario ed indimenticabile, visto che gli azzurri erano sotto 9-5 prima dell’inizio dell’ultimo inning e soprattutto contro i formidabili lanciatori messicani che giocano tutti in MLB.

Si giocava in altura ai 1500 metri di Guadalajara che ha facilitato i tanti home run visti, al primo inning il partente Alessandro Maestri subisce subito un fuoricampo da parte di Esteban Quiroz, gli azzurri rispondono subito con un homerun di John Andreoli con il punteggio va  sull’1-1 al termine del primo inning.

I padroni di casa al terzo inning ripassano in vantaggio, con un doppio di  Quiroz che consente a Sebastian Elizarde di firmare il 2-1 Messico.

Il Messico prova ad allungare al quarto inning allunga al quarto, prima Japhet Amador realizza un fuoricampo, poi un singolo di Elizarde porta Efren Navarro a casabase per il 4-1, l’Italia però non si abbatte e reagisce con grande veemenza e sempre nel quarto inning arriva l’ homerun da 2 punti  di Rob Segedin è quello da 1 punto di Chris Colabello che porta il punteggio sul 4-4.

Il match sembra andare dalla parte del Messico al quinto innining quando sale sul monte di lancio per gli azzurri l’Italo Americano Pat Venditte, lanciatore ambidestro, che dopo due eliminazioni, colpisce Quinoz e subisce una valida da Verdugo, con  le basi piene, Venditte lancia quarto ball contro Navarro, poi arriva il doppio di Cruzcon il Messico che vola sul 7-4.

L’Italia, però, non molla e realizza un’altro Home Run da 1 punto con Drew Butera per il 7-5 Messico.

Al Settimo inning sul monte di lancio per l’Italia AJ Morris che gioca in triplo A che va indifficolta’ con 2 eliminati concede le basi piene al Messico! Mazzieri lo sostituisce Mark De Mark, che però subisce subito un doppio da parte di Elizarde, con il Messico che vola allunga sul 9-5.

Nel settimo ed ottavo innining l’Italia sembra rassegnata alla sconfitta con il Messico che schiera sul monte di lancio la stella Sergio Romo nell’ottavo inning, che chiude velocemente il penultimo attacco messicano.

Si arriv al nono inning,  dove il Pitcher azzurro Jordan Romano elimina velocemente gli avversari, adesso inizia l’impresa leggendaria degli azzurri, il Messico si affida al closer dei Toronto Blue Jays Roberto Osuna, che vanta ben 56 salvezze in Mlb, gli azzurri si trovano benissimo sui suoi lanci ed arrivano i tre doppi di Cervelli, Colabello e di Alex Liddi porta l’Italia sul 9-7, e con zero eliminati, arriva la paura ed il gelo allo stadio  Charros, in battuta arriva Butera che colpisce la palla e grazie ad un errore di Urias permette all’Italia di mettere due uomini in base,  Andrew Maggi, ha pazienza contro Osuna ed ottiene la base ball, basi piene, il Pitcher Osuna viene sostituito da un’altra lanciatore fenomenale come Oliver Perez dei Washington Nationals, ma ormai gli azzurri sono in trans agonistica e non hanno paura di nulla, in battuta arriva Brandon Nimmo, che tocca la palla e con il suo singolo porta Liddi a segnare il 9-8 con sempre le basi piene arriva John Andreoli che gira colpisce la palla e realizza il doppio che vale il 10-9 per un’Italia fantastica.

L’Italia è inserita in un girone proibitivo con Messico, Porto Rico  e Venezuela formazioni imbottite da stelle MLB, l’impresa è stata realizzata, quindi ora contro le due corazzate Venezuela che si giocherà sabato 11/03 ore 21,00 e contro il Porto Rico che si disputerà il 12/03 ore 20,30  potra’ giocare con la mente sgombra e come dice il condottiero Azzurro Mazzieri in partita secca l’Italia può mettere in difficoltà qualsiasi avversario sicuramente questo gruppo non si demoralizza mai.

 

Ti piace questo articolo? Condividilo!