Radio Nettuno

Virtus, ancora una sconfitta a Montichiari. C’è da preoccuparsi?

23 settembre 2017
Virtus, ancora una sconfitta a Montichiari. C’è da preoccuparsi?

GERMANI – SEGAFREDO 87-74
(15-20; 41-38; 63-61)
Brescia: Landry 21, Moore 12, Vitali M. 11, Vitali L. 4, Hunt 19, Mastellari, Thioune ne, Veronesi ne, Fall 4, Traini 7, Sacchetti 9, Bushati. All. Diana.
Virtus: Lafayette 4, Umeh 9, Aradori 12, Ndoja 10, Slaughter 4, Gentile S. 8, Rosselli 4, Gentile A. 19, Jurkatamm ne, Lawson 4, Berti ne, Petrovic ne. All. Ramagli.
NOTE: t2 BS 21/36 BO 16/32; t3 BS 9/29 BO 9/18; tl BS 18/22 BO 15/20; rimb BS 21 (6 off, Moore 5) BO 29 (off. 5, Slaughter 7). Espulso Lafayette al 31’.

Di fronte, questa volta, i padroni di casa. Nella seconda giornata del Trofeo Ferrari, al PalaGeorge di Montichiari, Virtus Segafredo deve fare i conti con la voglia di riscatto della Germani Brescia, che ieri, perdendo il totem Dario Hunt dopo undici minuti di gioco, ha provato a mettere un freno ai campioni di Polonia dello Stelmet, ma alla fine ci ha lasciato le penne. Stavolta non ci sta, Brescia: vuole una vittoria davanti al suo pubblico, lascia sfogare la Virtus per mezz’ora (sui primi 30, la truppa di Ramagli resta davanti per 24), poi allunga nell’ultimo quarto, segnato già al primo minuto dall’espulsione di Oliver Lafayette, che è un vero e proprio spartiacque. Fine della preseason: sette giorni serviranno ad Alessandro Ramagli per registrare il meccanismo, e si partirà anche da questo stop.
Per mezzora c’è stata partita”, spiega il coach, “nell’ultimo quarto abbiamo avuto un evidente calo fisico. Evidentemente ci manca ancora qualcosa per poter giocare due partite intense in ventiquattrore. Oggi ho voluto lasciare parecchio in campo Alessandro Gentile e Aradori, per cercare risposte. Abbiamo perso molti palloni, e anche questa è stata una chiave della sconfitta su cui rifletteremo”.

Ti piace questo articolo? Condividilo!