Radio Nettuno

Umeh indica la via e la Segafredo si porta, in finale, sul 2-0

16 Giugno 2017
Umeh indica la via e la Segafredo si porta, in finale, sul 2-0

SEGAFREDO – ALMA 82 – 69
(25-23; 43-33; 66-52)
Virtus Bologna: Spissu 12, Umeh 26, Spizzichini 5, Ndoja 2, Rosselli 11, Michelori ne, Oxilia ne, Gentile 6, Penna ne, Lawson 11, Bruttini 9. All. Ramagli.
Trieste: Parks, Bossi, Coronica, Green 30, Pecile, Baldasso 5, Simioni, Prandin 2, Cavaliero 17, Da Ros 13, Cittadini 2. All. Dalmasson.

Seconda vittoria per la Segafredo nella finale che vale l’accesso al campionato di serie A. I bianconeri hanno disputato una buona prestazione, ma, a differenza di gara1, Triesta è stata più sostanziosa ed ha reso la vita più dura alla formazione felsinea, anche se, onestamente, non c’è mai stato un dubbio su chi avrebbe portato a casa il referto rosa. Ancora straordinaria la prestazione di Umeh (3/5 da 2 e 6/8 da 3), nettamente l’MVP, mentre per i giuliani ottima la prestazione di Green (top scorer con 30 punti).
La cronaca: il primo quarto era praticamente la fotocopia di martedì; la Virtus tentava la fuga sul 18-12, ma le due squadre si equivalevano fino al 30-29 del 14’. Qui, pian piano, la Segafredo allungava e saliva a +9 con cinque punti consecutivi di Rosselli (42-33) e a +10 col libero di Gentile. La ripresa iniziava con le triple di Spissu e Umeh (49-33), ma, a differenza di gara1, c’era un Cavaliero in grande spolvero che rispondeva con tre bombe consecutive (51-46 al 24’). Time out Ramagli e difesa (bene Bruttini) che tornava a stringere (schiacciata di Lawson per il 61-48 al 28’). Nell’ultima frazione nuova accelerazione e 71-52 (tripla di Gentile). La partita terminava virtualmente qui, anche se l’Alma lottava con le unghie e con i denti, ma lo scarto rimaneva sempre, tranquillamente, in doppia cifra.

s.m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!