Radio Nettuno

Sono ben 299 i campioni dello sport bolognese nel 2012

30 Dicembre 2012

In dieci anni sono addirittura triplicati i successi a livello mondiale, europeo e italiano degli atleti di Bologna, passando da circa un centinaio a 299 (lo scorso anno erano 254, ovvero il 18% in meno), un numero straordinario, considerando la crisi e le tante difficoltà con le quali quotidianamente le società sportive della nostra provincia devono convivere.
Importante guardare come arrivano questi successi, avvenuti in ben 36 diverse discipline, con le donne sempre in rincorsa e sempre più vicini agli uomini. Dei 299 campioni, questi sono per il 55% (esattamente 165)ad appannaggio dei maschi contro il 39% delle signore (116) e il 6% di società sportive vincenti (18).
Da registrare che siamo nell’anno Olimpico e fortunatamente anche i nostri portacolori si sono fatti valere, con 5 titoli o medaglie olimpiche, come l’oro di Jessica Rossi, i due allori paralimpici di Alex Zanardi e il bronzo di Martina Grimaldi. Tra i titoli più importanti da rilevare che sono otto gli allori mondiali ed esattamente quelli di Fabio Scozzoli e Martina Grimaldi nel nuoto, tre nel pattinaggio con il singolo di Alessandro Amadesi, quindi lo stesso atleta della Pontevecchio con Rebecca Tarlazzi e nella danza Juniores Melissa Masini e Simone Cellarosi della US Calderara nella categoria Junior specialità Coppia Danza. Quindi titolo mondiale anche nella pesca con la Lenza Emiliana Tubertini, Campione Mondiale per clubs canna da natante acque marittime.
Sono ben 33 i titoli continentali, con quello della Fortitudo Baseball su tutti e il pattinaggio artistico a farla da padrone con ben nove titoli. Da mettere in rilievo anche le performance nel pattinaggio in linea, i quattro nel nuoto, quelli del nuoto pinnato e nel Ju Jitsu.
Per quanto riguarda i titoli italiani sono ben 223 gli scudetti ottenuti dagli atleti delle Due Torri, oltre a 30 titoli italiani tra i disabili.
Mi piace sottolineare – afferma Renato Rizzoli, presidente del CONI di Bologna – che nonostante il momento difficile questo 2012 ci ha riservato due grosse sorprese, ovvero un aumento dei tesserati e un aumento importante rispetto allo scorso anno dei titoli vinti. Speriamo che lo sport, con i suoi valori positivi, possa fare da traino ad un miglioramento globale dell’economia, per ritrovare quelle risorse che negli ultimi anni hanno rischiato di mettere in ginocchio anche un movimento che non si è mai lamentato e ha cercato, grazie alla forza del volontariato, di non lasciarsi contagiare dal pessimismo”.

Ti piace questo articolo? Condividilo!