Radio Nettuno

Segafredo, due punti facili come bere un caffè…

8 ottobre 2017
Segafredo, due punti facili come bere un caffè…

SEGAFREDO – CAPO D’ORLANDO 88 – 52
(27-15; 48-30; 66-34)
Virtus Bologna: Lafayette 3, Aradori 18, Gentile A. 17, Ndoja 6, Slaughter 8, Lawson 13, Pajola 5, Rosselli 6, Umeh 12, Gentile S. ne, Berti ne. All. Ramagli.
Capo D’Orlando: Atsur 12, Edwards 5, Inglis 9, Kulboka 3, Delas, Wojciechowski 7, Ikovlev 2, Ihring 5, Alibegovic 9, Zanatta ne, Stella ne, Laganà ne. All. Di Carlo.

Tutto fin troppo facile per la Segafredo che ha dominato Capo d’Orlando dall’inizio alla fine.
Il match era stato già indirizzato nei primi cinque minuti (16-3, triple di Gentile e Lawson). Il vantaggio rimaneva in doppia cifra sino alla bomba di Atsur del 32-24 del 13’, ma, il successivo parziale di 14 a 2, toglieva ogni dubbio sulla sfida.
Ovviamente, dopo la gara di Trento ed il precampionato, c’era qualche punto interrogativo sulla Segafredo dei secondi venti minuti, ma i siciliani non segnavano per cinque minuti e, quindi, sul 59-30 del 25’, iniziava un lunghissimo garbage time che toccava il suo apice a quattro minuti dalla fine, quando il giovane Pajola realizava il canestro del +36 (78-42).

Ti piace questo articolo? Condividilo!