Radio Nettuno

SBK – La Marra (Ducati) cade a Misano, è in prognosi riservata

27 Agosto 2013
SBK – La Marra (Ducati) cade a Misano, è in prognosi riservata

A riferirlo è Paolo Gozzi sul suo blog nella pagine web della Gazzetta dello Sport. Eddi La Marra, 24enne leader del campionato italiano Superbike e collaudatore del team Superbike, è rimasto vittima di un grave incidente questa mattina a Misano durante  i test sviluppo Ducati Superbike.  In pista ci sono anche i piloti ufficiali Carlos Checa ed Ayrton Badovini e il team sviluppo MotoGP con Michele Pirro. Il pilota è caduto con violenza alla curva sei (la sinistra prima della Quercia) sbattendo violentemente la testa. I soccorsi sono stati rapidissimi e dopo un primo controllo al centro medico del circuito è stato trasportato in elicottero all’ospedale Bufalini di Cesena particolarmente attrezzato per questo genere di traumi. La prognosi è riservata ma il pilota ha ripreso subito conoscenza. Verrà fatta un’altra Tac in serata per escludere lesioni interne. Il team Barni ha diffuso una nota facendo sapere che “La Marra è ricoverato per accertamenti che, in prima analisi, sembrano rassicuranti.” La Marra, peraltro, è il fidanzato di Alessia Polita, la sfortunata pilotessa marchigiana che sulla stessa pista di Misano è caduta sabato 15 giugno scorso fratturandosi la colonna vertebrale e restando paralizzata  dalla vita in giù. Ernesto Marinelli, direttore del progetto Superbike Ducati, ha raccontato l’incidente a Gozzi: “Eddi stava provando la Superbike laboratorio, cioè la versione che utilizziamo per i test di componenti sviluppo. Aveva già compiuto il giro di installazione ed era appena ripartito dal box quando, in uscita, è finito sul cordolo perdendo il controllo. Forse è stato tradito da una macchia d’umidità: stanotte a Misano ha piovuto e per questo motivo abbiamo aspettato le 10:30 prima di cominciare il lavoro in pista. Speriamo tutti che non sia nulla di grave e già stasera i sanitari ci possano dare notizie rassicuranti. Non ce ne va bene una, è una stagione terribile.

m. m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!