Radio Nettuno

Ruiz spegne l’attacco Fortitudo e Rimini va in finale di Coppa

9 Giugno 2018
Ruiz spegne l’attacco Fortitudo e Rimini va in finale di Coppa

Si ferma in semifinale il sogno europeo dell’UnipolSai. A Rotterdam, il Rimini si è infatti imposto per 2-1 nella prima semifinale della Champions Cup 2018 e ha ottenuto così il pass per la finalissima della manifestazione. La formazione felsinea, che non è riuscita a trovare un antidoto agli efficaci lanci del pitcher avversario Ruiz, già vittorioso contro il Rouen mercoledì, disputerà invece la finale di consolazione per il terzo posto contro la perdente dell’altra semifinale tra Neptunus Rotterdam e Rouen.
Dopo un primo inning avaro di emozioni, l’UnipolSai, squadra in trasferta per via del peggior piazzamento al termine della fase a gironi, inizia bene il proprio secondo inning. Con uno fuori, Mazzanti colpisce un doppio a destra e avanza in terza sulla lunga volata al centro di Garcia. Vaglio però viene messo strike out da Ruiz, partente dei Pirati. Al cambio campo il Rimini passa a condurre. Angulo batte valido al centro contro Rivero, Celli lo imita con un fortunoso singolo interno. La nuova valida di Ustariz vale il vantaggio romagnolo. Le basi si riempiono con il colpito di Batista. Dopo la visita dello staff tecnico, Rivero riesce a uscire indenne dalla difficile situazione: prima mette strike out Llewellyn e poi fa battere in doppio gioco Di Fabio. La Fortitudo prova subito a reagire all’inizio della ripresa successiva. Con uno fuori, Agretti e Nosti battono valido. Sul successivo pop in diamante di Moesquit, Ustariz inciampa facendo di fatto cadere la palla. La situazione coglie di sorpresa un po’ tutti, ma la difesa del Rimini si dimostra più reattiva e realizza il doppio gioco, eliminando gli uomini in seconda e terza. L’appuntamento con il pareggio per Bologna è soltanto rimandato. Vaglio arriva salvo in prima su errore della difesa e avanza in seconda sul bunt di sacrificio di Grimaudo. Il corridore segna poi punto sulla chirurgica valida al centro di Agretti. Il pareggio dura, però, poco. Il Rimini, che aveva sfiorato il nuovo vantaggio al quinto inning quando solo una presa al volo in tuffo di Mazzanti sulla linea di Garbella, con Di Fabio in seconda, aveva tolto le castagne dal fuoco all’UnipolSai, torna a condurre nella ripresa seguente. Celli apre l’attacco con un doppio al centro. Ustariz e Batista battono valido e portano i Pirati sul 2-1. Dopo la visita da parte dello staff tecnico a Rivero, la gara riprende con il bunt di sacrificio di Llewellyn che sposta ambedue i corridori in posizione punto. Il pitcher venezuelano si mette poi in proprio ed elimina al piatto sia Di Fabio che Noguera. L’UnipolSai non riesce a reagire al nuovo vantaggio avversario, complice anche un Ruiz in forma smagliante, dopo i 78 lanci effettuati mercoledì contro il Rouen. Dall’altra parte, il Rimini cerca l’allungo al settimo inning. La valida di Garbella pone fine alla gara di Rivero, rilevato da Gouvea. Il neoentrato incassa il singolo di Romero, ma poi fa battere in doppio gioco Angulo. Il successivo strike out di Celli pone fine alla ripresa. La contesa arriva così all’ultima ripresa: Marval apre l’attacco UnipolSai con un singolo al centro, facendo terminare così la gara di Ruiz. Al suo posta entra in campo Kelly che elimina al piatto, in 3 lanci, Mazzanti. L’ex giocatore del Neptunus viene poi rilevato da Hernandez. Il pitcher spagnolo non trema: prima fa battere sugli esterni Garcia e poi in diamante Vaglio. Rimini si impone, così, per 2-1 e vola in finale.

Ti piace questo articolo? Condividilo!