Radio Nettuno

Promozione – Il punto sulle gare del week end

1 Febbraio 2013

PROMOZIONE GIRONE A

VICO – BASKET SOLE 39 – 61
(12-16, 27-32, 33-47)
BorgoTrebbia: Avanzi 5, Bertoni 9, Poggi 9, Bruschi, Pasquali, Valla 1, Gelmini 6, Martinoli 7, Arata 16, Turkes 8. All. Panena.

Fine del digiuno, è tempo di grande abbuffata. Dopo tre sconfitte in trasferta (a Castelsangiovanni, Cortemaggiore e Borgotaro), il Basket Sole torna a scottare anche lontano dal suo Palasport e infila la seconda vittoria consecutiva. Lo fa al termine di un’eccellente prova di squadra, impreziosita da un’ottima resa difensiva, tanto da costringere i padroni di casa a realizzare la miseria di 12 punti negli ultimi due quarti. Basket Sole sempre sicuro e convincente, con l’inerzia dell’incontro in mano. Partenza di personalità: 13-5. Poi il ritorno del Vico, prima di un nuovo allungo: 30-18. Il gioco scorre fluido, ma troppi rimbalzi vengono concessi agli avversari, che ne approfittano per restare in scia. Dopo l’intervallo lungo il Basket Sole cambia decisamente marcia. Tutta la squadra si sacrifica in difesa, mentre Arata si dimostra super nel tiro dalla lunghissima distanza (chiuderà con 4/6 da tre). I punti di Turkes valgono il +13. I padroni di casa finiscono con le spalle al muro. I rossoblù hanno il merito di non accontentarsi e chiudono in scioltezza una serata di eccezionali risposte. Asterisco di merito per Arata, che ha avuto il pregio di aprire la scatola difensiva dei locali. Miglior partita stagionale per Poggi, neanche un errore dal campo (3/3 da 2 e 1/1 da 3). Ma in copertina finisce tutta la squadra, che spinge sempre sull’acceleratore, anche sul +15. E la classifica è sempre più ricca per un Basket Sole sempre più protagonista.

BORGO SAN DONNINO – IRA TENAX 68 – 59
(22-12, 44-29, 53-44)
San Donnino Fidenza: Anselmi 3, Lucchini 8, Gianelli 24, Spotti 16, Imeri, Cavalli 2, Vignola 6, Lugli 2, Inzani 4, Bianchi 3. All. Saglia.
Cortemaggiore: Fanaletti 7, Righi 7, Laurenza A. 14, Maccagni A., Migliorini 1, Maccagni M. 5, Merli 2, Partenov 17, Salardi 6, Laurenza M. ne. All. Corvi.

Il palaITIS si conferma campo ostico per tutti, dove è caduta anche la capolista Cortemaggiore. Partita di grande sostanza quella dei ragazzi della BSD che con Spotti e Gianelli partono subito forte e fan capire ai magiostrini che tornare a casa con i 2 punti non sarà facile come magari pensavano. Ritmi alti per i ragazzi di Saglia e il primo quarto si chiude a +10. Il secondo periodo continua sui ritmi del primo, la BSD impone il ritmo e il Corte a inseguire senza però riuscire a scardinare la difesa arcigna dei ragazzi del Borgo. A 4′ dalla fine del 2° quarto la BSD teme di aver perso capitan Spotti che, per una distorsione alla caviglia, deve uscire dal campo, ma grazie alle cure del proprio staff medico riesce a rientrare in campo prima della fine del quarto e segnare su una gamba sola il canestro allo scadere che manda le squadre negli spogliatoi sul 44 a 29. La partita riprende e il Corte, come ci si doveva aspettare da una prima della classe, comincia a macinare gioco mettendo pressione ai ragazzi di coach Saglia che invece rientrano in campo un po’ contratti, 9 a 15 per Corte il parziale del 3° periodo. L’ultimo quarto scorre in sostanziale equilibrio, la BSD abbassa i ritmi il Corte sfrutta i cm e kg in più sotto canestro, ma stasera non ce n’è per nessuno, tre bombe in fila, 2 di Gianelli e 1 di Lucchini e in fine il 4 su 4 dalla lunetta di Spotti chiudono il quarto sul 15 pari e la partita 68 a 59 per i padroni di casa.

COLLEGE FULGOR FIDENZA – VALTARESE 73 – 41

MONTEBELLO – PLANET 50 – 70

CASTELLANA – SAN SECONDO N.D.

CLASSIFICA
Ira Tenax Cortemaggiore 24; College Fidenza 20; Basket Sole Borgotrebbia 18; Azzali Parma 16; Vico Parma, Borgo San Donnino Fidenza, Planet Parma* 14; Castellana* 12; Montebello Parma 8; Valtarese 4; San Secondo 2.

 

PROMOZIONE GIRONE B

BIBBIANESE – LA TORRE 55 – 62

(17-17, 30-31, 40-47)

Bibbiano: Marchesini 1, Donia 11, Zaccaria 2, Ghirardini 2, Salati 12, Montanari, Spaggiari 6, Vignali 13, Francia 8, G. Minardi. All. M. Minardi.

La Torre Reggio: Sassi 7, Torreggiani 7, Panciroli, Vezzosi 12, Passiatore 9, Ballabeni 4, Galassi 3, Mazzi 9, Margaria 6, Manari 5. All. Corradini

Continua il momento positivo della Torre che, sul non facile campo di Bibbiano, ottiene il settimo successo consecutivo e resta salda al terzo posto. Sfida equilibrata per venti minuti, che La Torre chiude avanti, grazie soprattutto ai canestri di Margaria nel primo quarto e di Passiatore nel secondo (30-31 al 20′). Gli ospiti accelerano dopo l’intervallo, trascinati da Vezzosi (12 punti tutti nei secondi 20′) e sembrano poter chiudere in anticipo la contesa (40-47 al 30′). Brava la Bibbianese a non demordere, costringendo i torriani a segnare solo 6 punti nei primi 8′ dell’ultimo quarto. In realtà, anche i padroni di casa faticano a segnare dal campo, ma approfittano di diversi errori difensivi avversari per guadagnare viaggi in lunetta. Così, con 11 tiri liberi realizzati e un contropiede di Vignali (13), rientrano fino al 51-53 del 38′. Non c’è, però, finale in volata: la Torre si scuote, recupera attenzione in difesa e riprende a segnare, così impedendo alla Bibbianese di concretizzare la rimonta, fino a 55-62 del 40′.

CARPINE – CAMPAGNOLA 51 –  74

(12-21; 28-37; 38-56)

Carpi: Baetta 11, Masini 2, Gasparini L. 16, Zanoli L. 6, Meschiari 3, Ariani, Marchi 2, Iacono 8, Pini 2, Silingardi 2. All. Dondi.

Campagnola: Manicardi 21, Zaccarelli 6, Parmiggiani 18, Piuca 9, Giannini 6, Beltrami 2, Spaggiari 6, Nanetti, Piccinini 5, Di Monte. All. Giannini.

Troppo. Campagnola ha troppo dalla sua quest’anno per una Carpine ancora ferita dal brutto girone d’andata. Campagnola è una squadra prima in classifica per un motivo. Con le vittorie di inizio anno ha acquisito una mentalità vincete e sicura dei suoi punti forti porta a casa sempre i due punti. Della partita c’è poco da raccontare: Campagnola sempre avanti con una media realizzativa alta (ben 10 bombe alla fine) non lascia scampo ai carpigiani che devono arrendersi alla forza reggiana.

FIORANO – AQUILE 53 – 51

(19-12; 34-22; 45-36)

Fiorano: Buonansegna, Monterini, Cracco 8, Ruggeri 20, D’Alia, Lanzellotto 4, Marescotti 6, Ceglie 2, Melegari 9, Lelli. All. Davoli.

Gualtieri: Folloni 2, Benetti 5, Freddi 2, Cavalaglio ne, Michelini 7, Caleffi 4, Bernardelli 12, Sassi 4, Miglioli 2, Cremaschi 13 . All. Beltrami.

Brutta la gara di Fiorano, nella prima delle due trasferte consecutive in terra modenese (mercoledì il recupero con Sassuolo). Inizio con botta e risposta di Cremaschi e Ruggeri, ma l’ala Modenese ha la meglio con 10 dei 20 pt realizzati facendo capire che per gli emiliani non sarà la passeggiata dell’andata. Coach Davoli preme sull’acceleratore per cercare di chiudere da subito l’incontro già nel 2°Q e fa leva sull’enorme differenza fisica tra le due formazioni. La uomo diventa complicata per i gualtieresi, in quanto i miss match che si creano sono devastanti nel pitturato e le zone aprono soluzioni balistiche hai locali ben sfruttate. Coach Beltrami ordina la sempre verde box&one con l’ausilio delle potenti gambe di Benetti. Si arriva al riposo limitando i danni sul -12, ma con la convinzione (nonostante tutto) che è ancora possibile riemergere. Messi a punto i correttivi difensivi, la macchina sembra rinfrancata e al rientro dagli spogliatoi è un’altra cosa. La difesa inizia a recuperare palloni a ripetizione, che solo la poca lucidità in fase offensiva non trasformano in punti le occasioni facili con Miglioli e Folloni gridano ancora venetta. Inoltre la precipitazione nel spingere sul contropiede fa perdere banalmente troppi possessi. Fiorano non  riesce a raccapezzarsi su come attaccare la difesa asfissiante su Ruggeri, che chiama più volte la sostituzione (non concessa) e sembra decisamente lì lì per capitolare. Ma la bravura sotto canestro dei lunghi Lelli e Marescotti a recuperare secondi tiri fa la differenza. 4°Q uguale al precedente, ma con le Aquile che sembrano più volte ad un passo dal recupero definitivo, ma prima Lanzellotto e poi Melegari ricacciano a -9. A 2’ dal termine siamo ancora -9 e Beltrami chiede time out per cercare almeno di salvaguardare la differenza canestri dell’andata (+8). Bernardelli attacca decisamente una difesa locale ormai allo sbando e, con due penetrazioni e la bomba sulla sirena, fissa amaramente il punteggio sul 53-51.

SANT’AGOSTINO – SASSUOLO 54 – 53 dts
(12-17, 29-23, 35-34, 45-45)
Scandiano: Montanari 6, Marani 7, Bonacini 2, Mareggini 9, Pedrazzi 3, Bigi 12, Siliprandi 11, Jefferson 4. All. Carrattieri.
Sassuolo: Nanni 9, Perini 2, Mattioli 1, Giovanardi 5, Fontana 15, Savigni, Stefani 2, Valli 4, Stefani 11, Sola 4.

Partita di sacrificio per Scandiano che si è trovata all’ultimo senza due dei giocatori titolari Bacchelli e Bedogni, oltre alle assenze di Aldrovandi e Iori. Si parte con grinta sin dall’inizio con Scandiano che si sistema in campo con un’ottima difesa, ma rimane il problema di realizzazione; Sassuolo ne approfitta e con delle belle giocate di Fontana porta la squadra ospite in vantaggio chiudendo un primo quarto con un +5. Si riparte con un secondo quarto più concentrato per gli scandianesi che, trascinati da Mareggini e Marani, chiudono un quarto nettamente positivo con un +11. Nella ripresa Sassuolo prova a recuperare lo svantaggio con Nanni che fa un buon gioco realizzando 7/11. Scandiano, giocando in otto, comincia a sentire la stanchezza, ma non vuole saperne di mollare e con una buona rotazione del coach Carrattieri teniamo il passo. Nell’ultimo periodo la partita comincia ad essere molto emozionante con un continuo punto a punto, mentre Scandiano, con due giocatori in buone condizioni, Bigi e Siliprandi, portano la squadra locale davanti di tre punti, ma Sassuolo non ci sta e con il solito Fontana che, a pochi secondi dalla fine, spara la bomba del pareggio. Si va ai supplementari con Scandiano che con i pochi cambi a disposizione e l’uscita di Bigi per 5 falli cominciava ad arrancare. Sassuolo cerca di stare in scia per portarsi in vantaggio e vincere la gara, ma un Mareggini in forma li tiene a bada; si torna sul pareggio 51-51 e Sassuolo va in lunetta per un fallo di Marani ai danni di Nanni che realizza due liberi per Sassuolo e per Scandiano sembra ormai finita, ma Sassuolo sporca una palla e Scandiano va alla rimessa con otto decimi per sperare nell’impossibile che Nicola Siliprandi rende possibile con una perla dai tre punti, che stampa sul referto la vittoria per i padroni di casa.

GO BASKET ALBINEA – US C.S.I. S.ILARIO 61 – 68

I GIGANTI – SIRIO 59 – 61

Recupero

CARPINE – GO IWONS 72 – 71

(14-18; 30-34; 43-53)

Carpi: Baetta 6, Masini 7, Gasparini L. 26, Ariani 4, Zanoli 12, Pini 4, Marchi 3, Silingardi 2, Iacono 4, Meschiari 4. All. Dondi.

Albinea: Marcacci S. 6, Torelli 4, Canalini 9, Rubiani 3, Corradini 13, Fantesini 10, Marcacci L., Fornaciari 13, Medici 1, Lazzaretti 12. All. Bertani.

“L’era po’ anca ora!”. Finalmente è arrivata la prima vittoria della Carpine. Partita intensa e non adatta alle persone deboli di cuore. Prima frazione con Albinea che parte con il turbo e segna ripetutamente da fuori, mentre Carpi si prende il centro dell’area avversaria e rimane attaccata alla gara. Seconda frazione fotocopia della prima e Albinea và all’intervallo sopra di quattro lunghezze. Il terzo periodo, ormai il quarto stregato per la Carpine in questa annata, sembra continuare ad essere un masso per i Carpigiani. Albinea con una percentuale davvero impressionante da fuori allunga e si porta avanti di dieci punti, mentre Carpi sbaglia molto e l’ombra dell’ennesima sconfitta sembra aleggiare nell’aria. Nell’ultima frazione ogni tentativo dei padroni di casa di riagguantare i reggiani viene vanificato fino a 3′ dalla fine, quando pian piano i ragazzi di coach Dondi riescono a ridurre il gap a cinque lunghezze. Bomba di Leo Gasparini (26) e -2. Albinea fa 2-2 ai liberi e si riporta sul +4 a 30” dal termine. Fallo su Baetta che fa uno su due ai liberi, rimbalzo in attacco però dei carpigiani che risputano la palla fuori per la bomba di Gasparini per impattare la gara. Secondo ferro, ma rimbalzo fondamentale di Ariani in attacco che segna e porta a -1 a 9″ dalla fine i carpigiani. Time-out di Albinea. Rimessa e fallo immediato su Rubiani. Primo libero sul primo ferro. Secondo libero ferro e fuori, rimbalzo carpigiano che affida la palla a Giovanni “Saetta” Baetta che si fa tutto il campo da slalomista e si butta verso il centro dell’area scaricando all’ultimo per Diego Iacono che, con palleggio e arresto di potenza, segna allo scadere sancendo la prima vittoria dell’anno della Carpine. Il PalaITI esplode e finalmente si tornano a vedere un pochino di luce in quel di Carpi.

CLASSIFICA

Sant’Ilario, Campagnola 28; La Torre Reggio 24; Sirio Scandiano 20; Fiorano* 16; Sant’Agostino Scandiano 14; Aquile Gualtieri* 12; Bibbianese*, I Giganti di Modena 10; Sassuolo*, Albinetana 6; Carpine 2.

 

PROMOZIONE GIRONE C

MONTEVENERE 2003 – CTR 62 – 48

(9-13; 26-28; 38-36)

Montevenere: Lolli 6, Castaldini 17, Cicerchia 6,Venturini 2, Sinibaldi 10, Fantoni 7, Mucci, Costa 10, Gironi 4. All. Ravaldi.

Serena 80: Rizzi 4, Di Pasquale 3, Tacconi 12, Franceschini 15, Pizzardi 8, Poluzzi 2, Brini, Dettori 2, Di Marco, Samoggia 4. All. Amanti.

HD BOLOGNA BK 2011 – ZOLA PREDOSA 77 – 78

CSI SASSO – PGS BELLARIA 57 – 65
(14-13; 25-26; 36-44)
Csi Sasso Marconi: Cremonini 2, Grande, Bruni 13, Rillo 4, Tosarelli 5, Romano 14, Truppi 13, Paolucci 3, Borsari, Bellodi 3. All. Borghesani.
Pgs Bellaria: Ugliola 2, Sudano 7, Fusetto 5, Grandi 5, Murgia 6, Marega 11, Masi 13, Minghetti 11, Fabrizi 5. All. Bertuzzi.

La sesta vittoria consecutiva del PGS Bellaria si concretizza in quel di Sasso Marconi, un campo che aveva mietuto molte illustri vittime nelle precedenti giornate. L’inizio vede un ottimo avvio del CSI che si porta 8-3 in un amen con un Romano incontenibile per gli ospiti (8 punti nel solo primo quarto); dall’altra parte un ottimo Masi realizza due canestri andando in maniera convincente a rimbalzo in attacco e Paul Fabrizi, dopo la parentesi di alcuni mesi alla Salus, rientra dando subito grande energia. Il secondo periodo è nervoso, si segna ancora meno del primo; Sasso Marconi produce una prova corale di sostanza (a segno 5 giocatori diversi nel quarto) mentre il PGS Bellaria segna due canestri e rimane in partita grazie alla sola ottima percentuale ai tiri liberi. Nella ripresa i ragazzi di coach Simone Bertuzzi cambiano marcia in attacco grazie ai lunghi Minghetti ed ancora Masi, mentre nel CSI Sasso Marconi Truppi è “troppo” solo. Il vantaggio esterno si dilata fino al +15 a 6’ dalla fine, ma, come all’andata, i padroni di casa iniziano una rimonta disperata con un Bruni che sbaglia poco o nulla; rimonta che non si concretizza grazie all’ottima percentuale ai liberi (ottimo il 6/6 ai liberi di Sudano) del PGS Bellaria che può chiudere abbastanza agevolmente sul 57-65 finale.

MASI – MONTE SAN PIETRO 63 – 52

(17-17; 34-30; 49-41)

Masi Casalecchio: Campazzi 6, Sechi 3, Castaldini 2, Stagnoli 5, Forni 17, Barilli 8, Brazioli, Accorsi 16, Rossetti, Conti 6. All. Guidetti.

Monte San Pietro: Cappellari 3, Perrotta 2, Consolo, Ottani 17, Indovini 4, Giacometti 6, Selvi 10, Mazzoli 2, Menzani 4, Sassoli 4. All. D’Atri.

Intenso derby al “Cabral”: pronti, via e 17-4 per la Masi e, poi, controbreak di 0-13 per il 17-17 del 10′. Nella seconda frazione punteggio ad elastico con i casalecchiesi che prendevano l’inerzia dopo un gioco da tre punti di Accorsi. Dopo l’ultima parità a quota 38 al 24′, i biancoverdi (bene Forni ed Accorsi) prendevano un buon vantaggio che li portava anche a ribaltare la differenza canestri.

SPV – STEFY 76 – 60

(16-9; 34-26; 51-48)

Vignola: Mezzadri, Badiali 9, Pancaldi 2, Mariani 14, Tonelli 2, Sganzerla 6, Degli Esposti 20, Zavatta, Franchi 23, Malagodi. All. Baldi.

Trebbo: Bendini 13, Ruggeri 8, Ferdeghini 1, Roso 2, Fornasero 8, Ricci 7, Neri 6, Branchini 8, Busi 7, Tinti. All. Munzio.

RACOMEL – ELLEPI 49 – 63

CLASSIFICA

Pgs Bellaria 22; Monte San Pietro, Zola, Vignola 20; Atletico, Stefy Trebbo, Masi Casalecchio 18; HD Bologna BK 2011, Csi Sasso Marconi, Montevenere, Elleppi 14; Serena ’80 8; Gardens 2.

 

PROMOZIONE GIRONE D

MEDOLLA – BIANCONERIBA 61 – 62

(16-9; 32-26; 43-46)

P.T. Medolla: Galeotti F. 7, Maini Al. 16, Giannetti 2, Ceretti, Guarnieri 2, Tralli 13, Galeotti M.5, Maini An. 2., Aldrovandi 4, Barbieri 10. All. Ganzerli.

Baricella: Ferrulli, Cerro 7, Zinoni 15, Calandriello 7, Lendi L. 5, Pellegrino 13, Zanetti 3, Lenzi F. 4, Dini 8. All. Panizza.

Quarta sconfitta  consecutiva nel girone di ritorno della P.T.Medolla. La gara essenzialmente si può dividere in due parti: nella prima parte, con entrambe le squadre schierate uomo contro uomo, il Medolla ha tranquillamente dominato la gara raggiungendo il punteggio di 32-20 verso il sesto del secondo quarto; nella seconda parte i bolognesi si sono schierati in una zona 2-3 molto adattata  ed hanno cominciato progressivamente a prendere il controllo del match. I Bianconeriba hanno preso un discreto vantaggio nel quarto periodo, ma il Medolla è riuscito a rientrare nell’ultimissimo minuto ed ha avuto a disposizione due possessi nell’ultimissima azione della gara, ma i tiri  non sono entrati consacrando la pesante vittoria ospite.

MOLINELLA – PROGRESSO HAPPY BASKET 57 – 67

(7-12; 29-27; 48-43)

Molinella: Vignudelli 2, Giacomello, Fusetti 6, Orioli 5, Ricci 10, Souram, Lazzari 8, Tagliavini 7, Cicognani 2, Trippa 17. All. Baiocchi.

Castel Maggiore: Nanetti 10, Baraldi 17, Tosi 14, Grassi 2, Graziosi 4, Franchi 2, Poggiali 12, Mancini 6. All. Gatti.

CONTROLUCE – ICOT 47 – 70

(9-22, 22-30, 32-53)

Mirandola: Liguori 8, Duca 9, Cresta 4, Simeone 2, Prandini 3, Rebecchi 12, Morselli 2, Sanchez, Drusiani 4, Molinari 3. All. Grilli.

Vis Ferrara: Malaguti F. 4, Busacca 6, Lodi 14, Benetti 9, Campi 11, Mennitti 9, Rossi 5, Ricci 4, Malaguti G. 8. All. Cesaretti.

La Controluce gioca complessivamente una buona gara contro la capolista Ferrara; regge un tempo (22-30) poi emerge chiara e netta la forza degli ospiti, guidati da Campi e Lodi implacabili dalla lunga distanza. Il classico match testa-coda inizia con un parziale di 11-1 per la capolista; col passare dei minuti però la difesa a zona mirandolese condiziona l’attacco estense che, nel secondo quarto, vede calare drasticamente le percentuali al tiro dal campo. Cresta, Duca e Rebecchi fanno il loro, cosicché i padroni di casa risalgono fino al -8 della pausa lunga. Nuovo break estense in apertura di ripresa (bene Benetti) e gara di fatto decisa alla fine del terzo quarto (32-53), anche se Mirandola non molla e con Liguori e Prandini prova ridurre il gap; Ferrara tuttavia chiude in pieno controllo.

MADEL – PEPERONCINO 55 – 53
(15-19; 24-32; 35-45)
Salus: Bonetti 15, Sangiorgi 2, Stefani 2, Teglia, Bignami 3, Lambertini 3, Cilfone 10, Valenti 10, Cataldo 10 All. Lanzi.
Mascarino: Nannetti 8, Cavallini 9, Bernagozzi 5, Balli 5, Govoni, Succi, Bergami 3, Orlandi 4, Pagano 12, Mutolino 10. All. Brochetto.

Pronti, via e immediatamente gli ospiti iniziano a colpire in campo aperto trovando nella difesa allungata la fonte di ispirazione per scavare un divario che nemmeno l’innesto di Cilfone, dopo quasi cinque giri di lancette, riesce a ridurre (10 punti per lui con ancora un’ amalgama da trovare con i nuovi compagni). Il secondo tempo prosegue con gli ospiti ad ampliare il divario e solo alcune invenzioni dei singoli che consentono alla Madel di restare aggrappata alla gara con unghie e denti. Ad inizio ripresa, dopo vari errori da ambo le parti, è l’ex di turno Bernagozzi che spegne la luce per i padroni di casa siglando il primo vantaggio in doppia cifra per la formazione ospite, mentre dalla parte della Salus solo una difesa arcigna, ma altrettanta confusione offensiva, regnano sovrane. L’inizio dell’ultimo quarto parrebbe quindi una lenta sfilata per la formazione di coach Brochetto che, sino a quel momento, sembrerebbe in assoluto controllo della gara. Bignami però riesce a scardinare velocemente la difesa ospite con una bomba che riduce lo svantaggio dei padroni di casa a ‘sole’ sette lunghezze; da li una selva di errori e due difese molto guardinghe mantengono il distacco inalterato prima che Cilfone, con un provvidenziale gioco da 3 punti, riesca a riportare Bologna a sole quattro lunghezze di svantaggio (45-49). Il batti e ribatti seguente porta Bonetti e Cataldo a siglare il temporaneo ed insperato pareggio a meno di due minuti dalla fine delle ostilità. Gli ospiti riescono poi a portarsi nuovamente in vantaggio, con un uno su due dalla lunetta, ma è a due secondi dalla fine che sempre Cataldo piazza una bomba capace di uccidere le velleità di qualunque avversario che sino a quel momento pareva in totale controllo della gara e ricacciando indietro i fantasmi di una sconfitta data già per scontata a metà del terzo quarto.

ARGELATO – AUDAX 77 – 48

DIABLOS BASKET S.AGATA – BASKET FINALE EMILIA 59 – 56

CLASSIFICA
Vis Ferrara 26; Argelato, Happy BK Castel Maggiore 24; Salus 22; Molinella 20; Peperoncino Mascarino 18; Sport Insieme, Audax Ferrara 16; Diablos Sant’Agata, Bianconeriba Baricella 14; Medolla 8; Finale 2; Mirandola 0.

 

PROMOZIONE GIRONE E

DULCOP OZZANO – ISIS 75 – 65

Titans Ozzano: Finessi 4, Rossi 11, Cairo 8, Fioravanti 15, Mungiguerra 9, Franceschini, Boletti 13, Cucinotta 4, Gardotti 7, Rambaldi 4. All. Bovi.

Isis Basket Lugo: Vergani 7, Valli, Galletti 3, Pasquali A. 1, Bacchini 22, Pasquali L. 12, Betti 4, Bucchi 3, Bazzocchi 13, Antonellini. All. Calore.

PALL CASTEL SPT 2010 – SPEM CRAL ENICHEM 46 – 68

CONTI MARIO – SABO SHOCK 54 – 41

(19-11; 31-19; 45-30)

Giallonero Imola: Gianasi 12, Conti 2, Sablich 2, Grandi 15, Fantini 9, Ugulini 6, Monducci, Campomori 8. All. Brocchi.

San Lazzaro: Gamberini 4, Sorghini 13, Ascari 2, Pozzi 5, Giacometti 8, Fiolo, Paolucci, Montroni 5, Lanzoni, Ghelli 4. All. Lunati.

JUNIOR RAVENNA – BASKET’95 IMOLA 42 – 74

SELENE – F. 84 65 – 50

CURTI – TATANKA 47 – 46

(15-16; 25-26; 34-38)

International Imola: Casadio C. 5, Spoglianti, Marchi 6, Sorghi 5, Benfenati, Pirazzoli En. 6, Baruzzi, Casadio L. 6, Caprara J. 6, Scagliarini 13. All. Morozzi.

Tatanka Imola: Bergamini 2, Crisà 5, La Ferla 8, Beccari 2, Strada 2, Pirazzoli Ed. 2, Favilli 5, Baldazzi 8, Castagnetti 12. All. Favilli.

Questa volta l’ultimo secondo sorride ai ragazzi International, che realizzano con capitan Caprara, proprio sul suono della sirena. E’ derby vero tra le due squadre, con tantissimo control game per entrambe e quindici cambi al comando della partita, con un +6 come massimo vantaggio ospite ed un + 3 come massimo vantaggio interno. Come previsto i gialloviola ospiti si affidano per 39’ alla tanto amata e redditizia zona 2-3, mentre l’International proverà anche qualche tatticismo, per tentare di inceppare il lubrificato meccanismo di attacco dei Tatanka. La partenza della partita è decisamente dei ragazzi di Favilli ed in particolar modo del loro bomber Castagnetti, che realizza 9 punti nel primo quarto. I biancorossi resistono con qualche tiro da tre e passano a condurre ad inizio secondo quarto. Qui però l’attacco si inceppa per lunghi 5 minuti e per fortuna che la difesa tiene. Continua la grande anemia anche nel terzo quarto ed il parziale di 5 a 0 di La Ferla e Baldazzi dell’ultimo minuto, risulta essere tanta roba. Dopo 4′ dell’ultimo quarto, è ancora il Tatanka in testa sul 42 a 37. Si avvicina Sorghi con una giocata da tre, poi tornano a + 4 gli ospiti con una entrata di Favilli, quando mancano quattro minuti. Ci sono 5 punti consecutivi di Scagliarini per il + 1 interno del 45 a 44, pareggiato con un libero di La Ferla ad un minuto dal termine, dopo una persa per distorsione alla caviglia di One Casadio. Nel successivo attacco persa per infrazione di passi di Sorghi, poi fallo a 16” dal termine, con Favilli che realizza il primo per il 46 a 45 della sua squadra. Rimessa a 5” dal termine sul fallo non in bonus degli ospiti, con palla che arriva a Pirazzoli che tira in entrata sbagliando, ma Caprara è lesto a raccogliere il rimbalzo di attacco e trasformare il più pesante dei tiri.

CLASSIFICA

Basket’95 Imola, Spem Ravenna 26; Giallonero Imola 22; Tatanka Imola, Selene Sant’Agata sul Santerno, International Imola 18; San Lazzaro 2010, Isis Lugo, Titans Ozzano 14; Castel San Pietro 8; Junior Ravenna 2; Basket F.84 BO 0.

 

PROMOZIONE GIRONE F

AICS – AURORA 63 – 52

STELLA – SKIZZO 62 – 70

SPONTRICCIOLO – FIORENZUOLA 41 – 59

CESENA BASKET 2005 – BK 2000 SAN MARINO 65 – 63

SPORTING CATTOLICA – LIBERTAS TIBERIO RIMINI 77 – 58

ARTUSIANA – BASKET’95 FAENZA 59 – 58

Recupero

AICS – SKIZZO 73 – 82

CLASSIFICA

Fiorenzuola, Skizzo Rimini 24; BK 2000 San Marino 22; Aics Forlì 18; Stella Rimini, Artusiana Forlimpopoli 16; Basket’95 Faenza 14; Tiberio Cervia, Spontricciolo Riccione 12; Cesena 10; Cattolica 8; Aurora Forlì 4.

Ti piace questo articolo? Condividilo!