Radio Nettuno

Pioli guarda avanti: “Meglio un successo, ma va bene così”

4 Novembre 2013
Pioli guarda avanti: “Meglio un successo, ma va bene così”

Per squalifica non avrà a disposizione Diego Perez per la gara di Bergamo, ma secondo Stefano Pioli non sarebbe comunque stato presente: “E’ un giocatore esperto e maturo,  non sarà disponibile per la partita con l’Atalanta perchè convocato per lo spareggio contro l’Uruguay“. Si sgonfia subito il caso dell’ammonizione subita a fine gara dal centrocampista uruguaiano. Più in generale il tecnico commenta la gara: “Sarebbe stato bellissimo chiudere la settimana con nove punti, ma anche sette vanno benissimo. Abbiamo incontrato difficoltà, la terza partita ha pesato e non siamo riusciti ad alzare il ritmo ed essere più veloci. Però abbiamo mantenuto grande ordine ed equilibrio: ricaviamo da questa partita segnali importanti“. Sul pareggio: “Gli interni sono stati troppo alti perchè volevamo far giocare di più i difensori, questo è il punto in realtà: non volevamo pareggiare, non ci volevamo accontentare. Non siamo riusciti a spingere quanto avremmo voluto“. Sulla classifica: “Siamo nel gruppone, ci sono tante squadre che lotteranno fino alla fine del campionato. Ora dobbiamo recuperare energie per il prossimo impegno che è duro. Perderemo due giocatori importanti ma ce ne saranno altri al loro posto. Khrin? Si è trovato bene, ha le caratteristiche per fare bene il centrale di difesa e di centrocampo: è stato positivo anche se mi sarei aspettato si potesse inserire meglio nell’azione“. Capitolo Kone: “Sono aperto a tutte le soluzioni, voglio esaltare le caratteristiche dei miei giocatori. Non credo che da interno sia sacrificato. Anche se probabilmente lo avrei alzato se Pazienza non si fosse fatto male. Lui con Diamanti sulla trequarti? Li abbiamo provati due anni fa e fecero malissimo. Poi è vero che si può cambiare. In ogni caso mi è difficile rinunciare al dinamismo di Laxalt”.

Ti piace questo articolo? Condividilo!