Radio Nettuno

Pallamano – Rigori fatali in Coppa per il Bologna United

17 febbraio 2018
Pallamano – Rigori fatali in Coppa per il Bologna United

BOLOGNA – PRESSANO 24-24 (25-28 d.t.r.)
Bologna: Leban, Rossi, El Hayek, Cimatti, Racalbuto, Savini 4, Santolero 2, M. Tedesco 2, Garau 2, Bosnjak 7, Argentin 2, Bonassi, Gherardi 4, Mula, De Notariis. All. Cocchi.
Pressano: Sampaolo, Facchinelli, Dallago 2, M. Moser, Bolognani 4, W. Chistè , P. D’Antino 5, Di Maggio 6, Giongo 3, Betolez 1, Senta 6, Alessandrini, Folgheraiter 1, N. Moser. All. Dumnic.

Il Bologna United sfiora l’impresa nei quarti di Coppa, a Conversano, cedendo in rimonta al Pressano, dopo aver dominato per 45′ e messo in grave difficoltà una delle corazzate del Girone A. Coach Stefano Cocchi, in panchina come primo allenatore data l’assenza di coach Tedesco impegnato con l’Under 18 alla Mediterranean Handball Cup, sceglie uno starting seven formato da Michele Rossi in porta, Simone Gherardi, Tomislav Bosnjak e Giacomo Savini sugli esterni, Sebastiano Garau e Kevin De Notariis sulle ali e Luca Argentin a completare lo scacchiere iniziale in pivot.
La partenza è completamente di marca rossobù: Savini, Bosnjak e Gherardi trovano ampi spazi che cinicamente convertono in reti sino al 2-7 che costringe il tecnico trentino Dumnic a chiamare “timeout”. La sospensione non cambia l’incedere della gara con gli emiliani che guidano, dominando in tutti i fondamentali e chiudendo i primi 30′ in vantaggio sul 15-11. Da segnalare anche l’ottima prova di Argentin in pivot, che apre numerosi spazi per i tiratori bolognesi, ed il cartellino rosso per il pivot trentino Alessio Alessandrini per una manata in pieno volto a Bosnjak. Nella ripresa Bologna non molla la presa sul match: grazie al contributo prezioso delle ali (con due gol pesanti di Matteo Tedesco) e ad una prova superlativa di Michele Rossi, i rossoblù volano nuovamente sul +6 dando l’impressione di poter chiudere il match. Proprio quando la gara sembra fortemente indirizzata ecco l’ormai inaspettata reazione del Pressano che approfitta del netto calo di energie di capitan Garau e compagni ed inizia una lenta ed inesorabile rimonta. Sul 24-22, a due minuti dalla fine, l’estremo difensore giallonero Valerio Sampaolo chiude definitivamente la porta propiziando il pareggio, sul 24-24, che manda le squadre ai tiri dai sette metri.
La lotteria dei rigori non premia Bologna con gli errori di Matteo Tedesco e Simone Gherardi che, uniti all’infallibilità dei vari Di Maggio, D’Antino, Senta e Folgheraiter, condannano l’United ad un’eliminazione amara e, per certi versi ingiusta.
Ora i rossoblù saranno impegnati, domani e domenica nelle sfide di “piazzamento” contro tutte le eliminate ai quarti.

Ti piace questo articolo? Condividilo!