Radio Nettuno

Pallamano – Lo United crolla a Tavarnelle, ma rimane primo

6 febbraio 2018
Pallamano – Lo United crolla a Tavarnelle, ma rimane primo

E.GO – BOLOGNA UNITED 32-21 (P.T. 15-13)
Tavarnelle: Ciani, Zoppi, Pierattoni 1, Petrangeli 1, Vucci Simone, Provvedi 9, Talluri, Pesci 7, Borgianni E. 7, Lastrucci 4, Vermigli 2, Pelacchi, Varvarito 1. All. Lalic
.
Bologna United: Bosnjak 5, Mula, Cimatti 1, Gherardi 5, De Notariis 1, Foschi 1, Pedretti 1, Savini 3, Rossi, Santolero, Tedesco 3, Argentin 1, Leban. All. Tedesco.
Arbitri: Panno – Armenio

Il Bologna United, nonostante l’aritmetico primato, si regala un ingiustificato sabato di relax cedendo di schianto in casa del grintoso Tavarnelle di coach Lalic per 32-21.
Coach Beppe Tedesco opta per uno “strating seven” composto da Alessandro Leban fra i pali; Giacomo Savini, Tomislav Bosnjak e Simone Gherardi sugli esterni; Kevin De Notariis e Matteo Tedesco sulle ali ed il pivot Lorenzo Pedretti a completare la formazione iniziale.
L’inizio di gara è tanto positivo quanto forviante con una rapida circolazione di palla che mette in condizione Gherardi, Bosnjak e Savini di trovare a ripetizione la via della rete. La gara è bella, veloce ed equilibrata e, dopo un avvincente scambio multiplo di vantaggi, la capolista pare poter prendere il largo sul 7-9. Tavarnelle non ci sta: la reazione de toscani è veemente e, prima vale il pareggio sul 11 pari, per poi metter la freccia chiudendo il primo tempo in vantaggio sul 15-13. Gravi problemi sulle ali per i felsinei che inoltre, col passare dei minuti e l’avvicinarsi dell’intervallo, calano vistosamente la precisione al tiro e l’intensità difensiva. A nulla serve la scossa che coach Tedesco impartisce ai suoi cambiando quattro settimi in un colpo solo a metà frazione. Nella ripresa tutto il palazzetto teme la reazione d’orgoglio da parte di Bologna che invece scompare letteralmente dal campo facilitando il compito di un feroce Tavarnelle, trascinato dallo straordinario trio formato da Tommaso Pesci, Francesco Provvedi e dal pivot Edorardo Borgianni (23 reti in tre). I parziali, di 7-2 e 13-5 fanno calare definitivamente il gelo sulla gara nell’esultanza convinta di un Tavarnelle che inanella la meritatissima terza vittoria consecutiva in campionato.
Nel resto del Girone B sprecano il “set point” sia Cingoli, che cade ad Oriago 26-21, che il Cologne che dilapida un corposo vantaggio per poi impattare in casa col Romagna per 22-22. Colpo interno del Carpi che regola nel derby il Modena 30-26, scavalcandolo senza tuttavia ribaltare a differenza reti. Bologna, dopo aver colto la seconda sconfitta stagionale, si ritrova ora ad essere decisivo arbitro della corsa al secondo posto: a Castenaso sabato arriva il Cologne.

Ti piace questo articolo? Condividilo!