Radio Nettuno

Pallamano – Esordio casalingo sfortunato per lo United

16 Settembre 2018
Pallamano – Esordio casalingo sfortunato per lo United

UNITED – GAETA 21-23 (11-11)
Bologna: Leban Rossi, M. Tedesco 2, Garau 4, Riccardi 2, Bonassi, Savini 5, Racalbuto, Kovacevic 2, Norfo, Nardo 4, Cimatti, Zaltron 1, Santolero 1, Pasini, Martini. All. G. Tedesco .
Gaeta: Scavone, Pantanella, Amendolagine, Di Giulio 1, Lombardi 4, Bettini 2, Ponticella, Amato 2, Uttaro, Mougiz 6, Marino 1, Ciccolella, Maggiacomo, Filipovic 7. All. Onelli.

Dopo la rovinosa sconfitta in casa della Metelli Cologne, nell’atteso ritorno al “Pala Savena”, era lecito per lo United attendersi una pronta reazione: essa si manifesta solamente a metà e non si rivela sufficiente per avere la meglio di una coriacea Carburex Gaeta che, con merito, espugna San Lazzaro col punteggio di 23-21.
A caccia di una vittoria che in campionato manca dallo scorso Aprile, coach Beppe Tedesco, sceglie uno “starting seven” composto da Alessandro Leban fra i pali, Giacomo Savini, Radoje Kovacevic e Nicola Riccardi sugli esterni, Giulio Nardo e Sebastiano Garau in ala e Giacomo Santolero, a completare la formazione iniziale, in pivot.
L’avvio è di quelli importanti: Bologna aggredisce gli spazi, attacca con foga e vola rapidamente su un 7-3 che pare incanalare, addirittura in maniera definitiva, la gara in favore dei felsinei. Tuttavia, quando il “Pala Savena” pregusta una gara in controllo, i laziali mostrano tutta la propria forza, serrano i ranghi in difesa ed iniziano ad attaccare con precisione, la schiacciata difesa emiliana. Colpo dopo colpo, i vari Amato, Lombardi, Filipovic e Mougiz, trascinano la compagine di coach Onelli sino al pari, sul 9-9. Bologna regredisce, perde una quantità notevole di palloni, gestisce male gli attacchi, e, nonostante coach Tedesco provi a cambiare quasi tutto, Gaeta non cala la presa e coglie addirittura il vantaggio sul 10-11, grazie al solito Filipovic. Il pareggio, verso la fine della prima frazione, lo mette a segno capitan Garau in una classica azione da ala. Nella ripresa il “filo” dell’equilibrio non si spezza. Bologna effettua il sorpasso sul 13-12 grazie a Sebastiano Garau ma poi cede nuovamente facendosi riprendere da Gaeta sul 14-14. E’ un colpo duro che palesa i primi segni di cedimento con gli ospiti che, sentendo profumo di impresa, colgono il definitivo sorpasso sul 21-22. Riccardi e Kovacevic calano nettamente il loro livello di gioco ed inanellano palle perse fra sfondi e passi, Michele Rossi si esalta e nega a Gaeta il match point ma nulla può sul contropiede di Lombardi che fissa il punteggio sul 21-23 a 60′ dalla fine. Cala il sipario sulla seconda giornata di Serie A1: Bologna resta in fondo alla classifica a quota zero punti e si interroga sulle modalità da ricercare per rompere il “maleficio” e ritrovare finalmente la vittoria.
Prossimo turno, ancora casalingo, sabato 22 Settembre alle ore 20.30 al “Pala Savena” contro l’Alperia Merano.

Ti piace questo articolo? Condividilo!