Radio Nettuno

Nuoto Settecolli 2017, grandissimo risultato per Nicolò Martinenghi nei 100 rana record italiano, grande prestazione della Pellegrini nei 200 stile libero

24 Giugno 2017
Nuoto Settecolli 2017, grandissimo risultato per Nicolò Martinenghi nei 100 rana record italiano, grande prestazione della Pellegrini nei 200 stile libero

La prima giornata del 54° Trofeo Settecolli è andata in archivio ed è stato grande spettacolo quello che abbiamo potuto ammirare nella vasca del Foro Italico piena come non mai per le finali del pomeriggio.

La copertina della giornata inaugurale è tutta per Nicolò Martinenghi che procede nella sua inesorabile ascesa, stabilendo il nuovo record italiano (assoluto, cadetti e juniores) nei 100 rana in 59”31, battendo il record precedente di Fabio Scozzoli di 59”42 che Fabio Scozzoli che resisteva dal 2011.

Martinenghi passa in 27”54 ai 50 metri, restando in scia al campione olimpico, mondiale ed europeo Adam Peaty che chiude in 58”72, tempo che vale il record della manifestazione.

Come da tradizione le  finali al sette colli in programma riservano sempre grandi tempi, come  il 16’03″55 di Simona Quadarella nei 1500 ed il successo in rimonta di Federica Pellegrini nei 200 stile libero in 1’56″16 ed il secondo posto di Gabriele Detti nei 400 stile libero in 3’45″88.

Simona  Quadarella, nuotatrice romana che sta dando gli esami di maturità in questi giorni, vince i 1500 stile libero col secondo tempo italiano in tessuto stabilendo il record della manifestazione ed ed arrivando ad 8 secondi dal record italiano di Alessia Filippi.

Spettacolo puro nei 400 stile libero vinti in 3’44″54 dal sudcoreano Tae-Hwan Park, oro ai Giochi olimpici di Pechino 2008 e ai mondiali di Melbourne 2007 e Shangai 2011, ma successivamente macchiato dal doping, dietro di lui il campione europeo e bronzo olimpico Gabriele Detti in 3’45”88, terzo posto per il campione olimpico australiano Mack Horton in 3’47”58.

Poi scende in vasca  Federica Pellegrini, da grande spettacolo nei suoi 200 stile libero, vincendo in 1’56”16, con  gli ultimi 50 metri veramente impressionanti in 29″09, recuperando un secondo alla svedese Michelle Coleman, 1’26”07 il passaggio della scandinava ai 150; 1’27”07 quello dell’azzurra.

Nei 50 dorso femminili vittoria per l’australiana Holly Barrett che in 27”57 stabilisce il primato della manifestazione, seconda la brasiliana Etiene Medeiros in 27”82 e terza la ceca Simona Baumrtova in 27”89.

Doppietta ungherse tra i maschi, dove si impone l’argento europeo Richard Bohus in 25”04 che precede il connazionale Gabor Balog in 25’12; terzo il 28enne romano Matteo Milli in 25″21 stabilendo il suo primato personale.

Nei 400 stile libero femminili la magiara Boglarka Kapas, oro europeo a Londra 2016 e secondo tempo in batteria, vince in 4’06”05,precedendo la canadese Mary-Sophie Harvey in 4’09”78 e l’australiana Jessica Ashwood in 4’10”85.

Nei 50 farfalla femminili si conferma l’olandese Ranomi Kromowidjojo, la 27enne  si impone in 25”59, terza prestazione mondiale stagionale, completano il podio l’australiana  Holly Barratt in 25”91 e la connazionale Maaike De Waard in 26”11.

Nei 100 farfalla cade il terzo record della manifestazione a firma del fenomeno sudafricano Chad Le Clos, campione del mondo a Kazan 2015 e argento ai Giochi Olimpici di Rio, che abbassa il primato sul 51”65 cancellando il 52”14 dell’australiano Andrew Lauterstein che resisteva dal 2008, sul podio due azzurri Piero Codia secondo in 51”93 e Matteo Rivolta terzo in 52”30.

Nei 50 stile libero maschile il più veloce è il brasiliano Bruno Fratus, bronzo iridato nel 2015, in 21”86 alle sue spalle il britannico Ben Proud in 21”95, un centesimo meglio dell’australiano Cameron McEvoy.

 

 

 

Ti piace questo articolo? Condividilo!