Radio Nettuno

Assessore Lepore: “Creiamo una città dello sport”

1 Marzo 2017
Assessore Lepore: “Creiamo una città dello sport”

E’ un lunedì di fine febbraio quando il comune di Bologna, tramite un comunicato stampa, risponde al Presidente del Bologna Football Club, Joey Saputo, sul tema dello stadio. Il parere sembra essere positivo, il restyling del Dall’Ara s’ha da fare. “Adesso, la palla è tornata nei piedi del Bologna Calcio che ci deve consegnare un progetto di fattibilità, spero entro l’estate.” spiega l’Assessore allo Sport, Matteo Lepore, intervenuto mercoledì 1 Marzo nella Sala Savonuzzi di Palazzo d’Accursio. “Il Comune di Bologna aspetta che venga presentato il piano economico finanziario che comprenda, non solo la riqualificazione dello stadio, ma anche le aree compensative tenendo ben presente di tutti i problemi, dai parcheggi fino alla mobilità”. Lepore, poi, continua “toccherà alla giunta, entro 90 giorni, valutare il progetto e dichiarare l’interesse pubblico o meno, coinvolgendo i quartieri e i cittadini interessati”. Parentesi doverosa anche sul tema dell’Antistadio. “Se il Bologna Calcio ci chiederà di utilizzare l’area dell’impianto ‘Lucchini’, valuteremo la proposta e cercheremo di trovare una soluzione per le società sportive che lavorano lì dentro. Ho già programmato per metà Marzo un tavolo di lavoro con tutte queste attività perché vogliamo creare una città dello sport, dentro e fuori dallo Stadio”.
Matteo Lepore, assessore allo Sport del Comune di Bologna, parla anche del Paladozza “il bando per la gestione dell’impianto di Piazza Azzarita partirà in primavera o, al massimo, in estate”. Poi, aggiunge “nei prossimi mesi attueremo dei lavori per l’illuminazione e il calore. Saranno interventi di riqualificazione del Palazzo dello Sport, a livello di impiantistica, delle analisi anti-sisma e della messa in sicurezza”. Conclude così “il Paladozza, comunque, avrà la sua vita normale”.
La conclusione è dedicata anche gli Harlem Globetrotters, protagonisti il 30 marzo al Paladozza “è un evento davvero bellissimo per tutti, dai ragazzi giovani fino alle persone più anziane. Mancavano da vent’anni a Bologna ed è straordinario per la nostra città ritrovare uno spettacolo che dura da novantanni”.

Ti piace questo articolo? Condividilo!