Radio Nettuno

La Segafredo liquida Avellino e torna a sorridere

3 febbraio 2019
La Segafredo liquida Avellino e torna a sorridere

SEGAFREDO – SCANDONE 88 – 66

(27-28; 53-38; 70-56)

Virtus: Punter 5 (1/3, 1/3), Martin 6 (1/3, 1/1, 1/2), Moreira 6 (3/6), Pajola 8 (0/1, 2/3, 2/2), Taylor 13 (4/8, 1/3, 2/3), Baldi Rossi 4 (0/1, 1/3, 1/2), Cappelletti ne, Kravic 12 (5/9, 2/2), Venturoli ne, Aradori 15 (3/5, 2/4, 3/7), Berti ne, M’Baye 19 (2/4, 5/6, 0/1). All. Sacripanti.

Avellino: Young 10 (5/12), Green 8 (0/3, 1/6, 5/6), Guariglia ne, Filloy 18 (4/9, 1/1, 7/8), Campani (0/1), Sabatino ne, Silins (0/2), Campogrande 3 (0/2, 1/1), Harper (0/5, 0/1), D’Ercole (0/1), Sykes 25 (6/15, 4/7, 1/1), Ndiaye 2 (0/1, 0/0, 2/2). All. Vucinic.

Un’ottima Segafredo interrompe a tre la striscia di sconfitte consecutive e doma un’Avellino che ha retto soltanto un quarto, il primo. Difficile trovare un migliore in campo anche se M’Baye e Kravic sono andati molto bene e Pajola ha dominato la partita dal punto di vista difensivo. E gli irpini? Bene, ma non benissimo la coppia Filloy-Sykes, mentre nello spot di ala piccola si è sentita l’assenza di un fromboliere come Nichols.

La cronaca: i primi dieci minuti sono stati costantemente punto a punto con una leggera prevalenza dei biancoverdi. Nel secondo quarto, sul 29-30, la svolta: parzialone di 17-0, con un bombardamento da ogni zona del parquet ed una difesa molto attenta. Per Avellino era il pugno del knock out e anche nella ripresa, pur con qualche lampo, gli ospiti non hanno mai dato l’idea di poter rimontare. Minimo disavanza sul 57-46, con Filloy in evidenza, poi si scatenava M’Baye (65-48) e nell’ultima frazione le due mazzate arrivavano, tanto sorprendentemente quanto meritatamente, da Pajola, con due triple (82-61). Poi un lungo garbage time fino al +22 del 40’.

Ti piace questo articolo? Condividilo!