Radio Nettuno

LA SCHEDA – Krejčí, il nuovo Nedved alla prova della Serie A

6 Luglio 2016
LA SCHEDA – Krejčí, il nuovo Nedved alla prova della Serie A

Il terzo acquisto del Bologna è Ladislav Krejci, esterno d’attacco proveniente dallo Sparta Praga per il quale il club rossoblù ha versato una cifra tra i 3,5 e i 4 milioni di euro. Andiamo a scoprire quali sono le sue qualità e i suoi difetti e perchè il Bologna ha deciso di puntare su quello che in patria chiamano il nuovo Nedved.

Nome: Ladislav

Cognome: Krejčí 

Data di nascita: 5 luglio 1992

Luogo di nascita: Praga

Nazionalità: Rumena

Piede preferito: Sinistro

Ruolo: Esterno offensivo

Altezza: 182 cm

Peso: 66 kg

Ladislav Krejčí nasce a Praga il 5 luglio 1992 e lega la sua intera ascesa sportiva alla maglia dello Sparta, compagine della sua città natale. Entrato giovanissimo a far parte delle giovanili dei granata, cresce giocando come centrocampista laterale, ma negli anni del settore giovanile migliora tantissimo e a 16 anni viene aggregato alla squadra B, con la quale milita due stagioni, dove nel ruolo di  esterno offensivo di sinistra, in un classico 4-4-2. Il giovane Ladislav colleziona 28 presenze e 4 reti, un bottino che gli vale le attenzioni di Jozef Chovanec, allenatore della prima squadra. Nell’estate del 2010, a 18 anni appena compiuti, il centrocampista viene convocato per il ritiro pre-stagionale. Krejcì convince lo staff tecnico a confermarlo per la stagione in partenza, annata che rappresenterà per la sua carriera il primo punto di svolta. Nel corso dell’anno infatti debutterà sia in Gambrinus Liga che nella coppa nazionale e riuscirà a scrivere il proprio nome sul tabellino dei marcatori nella sfortunata sconfitta con il Karvina in coppa. Se la prima rete fra i professionisti ha avuto un peso relativo, ben diverso è l’impatto della prima marcatura in campionato, realizzata il 26 settembre 2011 nel derby con lo Slavia Praga. E’ proprio Krejčí ha chiudere la partita, realizzando la rete del raddoppio nel trionfale tre a zero finale sui rivali cittadini. In due stagioni agli ordini di mister Chovanec gioca 22 partite, molte delle quali subentrando dalla panchina, condite da 6 marcature. E’ il biglietto da visita che convince lo Sparta ed il nuovo allenatore a puntare su di lui. Martin Hašek lo considera una pedina inamovile nel suo scacchiere tattico, tanto da regalargli anche il debutto in Europa League il 9 agosto 2012. Con lo Sparta Praga in patria ha collezionato 130 presenze con 25 gol e 40 assist; mentre in Europa League vanta 27 gare, 8 gol e 15 assist. Anche in Nazionale ha fatto tutta la trafila delle giovanili e ha fatto il suo esordio tra i “grandi” nel 2012: fino ad ora ha collezionato 26 partite con 4 gol e 10 assist e ai recenti Europei si è dimostrato uno dei migliori della sua squadra.

Caratteristiche – Capelli biondi, fisico longilineo e personalità da vendere, Krejčí è un esterno offensivo molto talentuoso. Velocissimo ed in possesso di una tecnica di base notevole, è il giocatore ideale per scardinare qualsivoglia difesa. Il suo tiro, forte e preciso, lo rende un giocatore che può segnare in diversi modi: da fuori, inserendosi o su calcio piazzato. Il suo pezzo forte sono proprio i suoi movimenti senza palla, tagliando alle spalle del terzino è abilissimo a smarcarsi e concludere rientrando con il sinistro. Senso del gol e personalità non gli mancano, palla  al piede è un giocatore davvero imprevedibile, accarezzando il pallone con un sinistro di primissimo livello. Il destro non è certo a livello del “piede buono” ma non è poi così scarso: è molto bravo a creare superiorità numerica con i suoi dribbling e a guadagnarsi punizioni, che sa battere molto bene. Per collocazione tattica e propensione alla rete puo’ giocare in 4-3-3 o in un 4-2-3-1, come ala sinistra. Difetti? Fisicamente è molto esile anche se sopperisce con la sua grande velocità e la tecnica, può essere un limite il suo uso prevalente del piede sinistro. Sicuramente si tratta di un buon prospetto, sarà il giocatore che dovrà far dimenticare Giaccherini: diamogli un po’ di tempo per ambientarsi e non deluderà le aspettative.

a. s. e m. m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!