Radio Nettuno

La Fortitudo stravince il torneo di Castel San Pietro

22 settembre 2018
La Fortitudo stravince il torneo di Castel San Pietro

RAVENNA – LAVOROPIU’ 60 – 83
(12-20; 29-50; 52-71)
Ravenna: Hairston 7, Smith 25, Montano 2, Jurkatamm 3, Cardillo 3, Masciadri 5, Rubbini, Seck 2, Gandini 2, Baldassi, Tartamella, Laganà 11. All. Mazzon.
Fortitudo: Sgorbati 4, Simon, Leunen 12, Prunotto 1, Venuto 1, Rosselli 9, Fantinelli 17, Pini 10, Hasbrouck 29. All. Martino.

Più facile di ogni previsione il successo della Lavoropiù al torneo di Castel San Pietro. Senza Cinciarini, Benevelli e capitan Mancinelli, la Fortitudo ha nettamente sconfitto Ravenna, grazie ad una prova monstre della coppia Hasbrouck-Fantinelli. Per i giallorossi, gli sprazzi di Smith e Laganà sono stati importanti per non sprofondare nei momenti di massima difficoltà.
La cronaca: Martino lanciava il giovanissimo Franco in quintetto e sulle tracce di Smith; la mossa riusciva benissimo, perché, dopo sette minuti, il punteggio era di 5-20, con 14 punti di Hasbrouck (chiuderà con 5/10 dalla lunga distanza). Smith tornava ben presto a fare lo Smith che tutti abbiamo imparato a conoscere lo scorso anno, ma anche Pini rispondeva presente, soprattutto quando Mazzon passava a zona, ed i primi venti minuti terminavano col punteggio di 29-50, praticamente una sentenza. Nella ripresa iniziava lo show di Fantinelli (7/8 al tiro) che, assecondato dal solito Hasbrouck, portava la Fortitudo al massimo vantaggio (44-68 al 27’). Ravenna tornava a zona, la Lavoropiù dava spazio alle seconde linee e così i romagnoli rientravano a -13 (58-71), a 6’ dalla fine. Era un gioco da tre punti di Fantinelli a chiudere ogni discorso e le battute finali servivano soltanto per dare minuti a chi, fino a quel momento, non ne aveva praticamente avuti.

s.m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!