Radio Nettuno

La Fortitudo lotta, ma si deve arrendere a Trieste (80-60)

8 Giugno 2017
La Fortitudo lotta, ma si deve arrendere a Trieste (80-60)

ALMA – KONTATTO 80 – 60
(31-13; 44-23; 57-49)
Trieste: Da Ros 11, Parks 10, Green 26, Cavaliero 12, Bossi 7, Prandin 9, Cittadini 2, Simioni ne, Pecile 3, Gobbato ne, Coronica, Baldasso. All. Dalmasson.
Fortitudo: Candi 3, Knox 8, Legion 22, Cinciarini 8, Gandini 1, Montano 2, Italiano 14, Mancinelli 2, Raucci, Costanzelli ne, Ruzzier, Campogrande ne. All. Boniciolli.

Sarà Trieste a sfidare la Virtus nella finale che varrà la promozione in A. In gara5 i giuliani hanno sconfitto la Fortitudo per 80-60 in un match praticamente sempre condotto. Decisivo il primo quarto, con l’Alma che ha segnato 31 punti contro i 13 della Kontatto. Nell’ultima frazione i felsinei erano riusciti a rientrare a -6, ma la rimonta si fermava lì.
Rewind. Buono l’inizio degli ospiti (1-4 al 2’), ma Green iniziava col turbo e segnava i primi nove punti di Trieste (9-6 al 4’). Sul 14-11, la Fortitudo entrava nel tunnel, subendo la grinta e perdendo troppo palloni (7 nei primi dieci minuti). Al 12, sul 34-13, la partita sembrava già chiusa, anche perché la Kontatto faticava a trovare la via del canestro. Errore: Legion segnava da ogni posizione (46-34), poi Italiano gli dava il cambio e, segnando 11 punti, trascinava di peso i biancoblu sul -9 (57-49). Prima azione dell’ultimo quarto e piazzato di Cinciarini (57-51), poi Legion prendeva il tiro del possibile -4, ferro ed i giuliani rispondevano con Prandin e tripla di Da Ros (62-51) al 33’. Trieste recuperava l’inerzia e gestiva tranquillamente il vantaggio sino al +22, 80-58, firmato da Parks a due minuti dalla fine.

Ti piace questo articolo? Condividilo!