Radio Nettuno

Il Californiano Chris Aguila può far volare l’Aquila

8 Febbraio 2013

IL 34ENNE CALIFORNIANO PUO’ ESSERE QUEL BATTITORE DI POTENZA E SOSTANZA TANTO BRAMATO
CHRIS AGUILA PUO’ FAR VOLARE L’AQUILA BIANCOBLU
Una lunga carriera di 15 anni nel baseball professionistico americano, con 4 stagioni e 149 gare in Major League, 8 stagioni e 684 gare in triplo A (avg .287, slg. 481 e 99 homerun). Queste le credenziali del nuovo esterno centro della Unipol Fortitudo 2013.

Prende sempre più forma la Unipol Fortitudo 2013, con l’impegno della dirigenza nella costruzione di una compagine ambiziosa, giovandosi dell’alacre lavoro invernale del direttore sportivo Christian Mura. La società biancoblu ha appena concluso un accordo con Chris Aguila, atleta americano, classe ’79, protagonista di una lunga carriera che lo ha portato a calcare i diamanti della Major League.
L’esterno californiano, che batte e tira destro, ha disputato 15 stagioni nel baseball professionistico americano, con una breve parentesi in Giappone nel 2009, quasi sempre giocando con la franchigia dei Florida Marlins, con la quale ha esordito a livello di rookie nel 1997, per poi passare due anni dopo al singolo A con Kane County, dove è avvenuto il cambiamento di ruolo da terza base a esterno. La crescita e il miglioramento sul campo hanno portato il giocatore a scalare brevemente tutti i livelli delle minors, con l’A+ conquistato nel 2000 (Brevard County), il doppio A nel 2001 (Portland) e il triplo A nel 2004 (Albuquerque), quando ha anche esordito in Major League all’età di 25 anni, disputando 29 gare con i Marlins. Anche nelle due stagioni successive si è diviso fra Albuquerque e grande lega, disputando 65 gare nel 2005 e 47 nel 2006. Nel 2007 il passaggio alla franchigia dei Pittsburg Pirates, con la quale ha giocato 55 gare in triplo A con Indianapolis. Nel 2008 il trasferimento ai NY Mets, con le ultime 8 apparizioni in Major League e giocando 116 gare di triplo A con i New Orleans. Nel 2009 la scelta di provare l’avventura con la Major League giapponese, nelle fila di Fukuoka, nella Japanese Pacific League. Una parentesi sfortunata e non degna di nota. Nel 2010 il ritorno negli States da free agent, firmando con i Toronto Blue Jays (Las Vegas in triplo A), per poi passare ai Phillies (Lehigh Valley in triplo A) e infine “tornare a casa” in agosto ai Marlins, raggiungendo ancora i New Orleans (nel frattempo entrati nella franchigia di Florida), con i quali ha disputato, sempre in triplo A, anche le stagioni 2011 e 2012.
E’ soprattutto con il bastone in mano che Chris Aguila ha costruito la sua carriera nel baseball professionistico. Nelle 149 gare disputate in Major League ha battuto con la media di .222 e .343 di slugging, con 13 doppi, 2 tripli e 3 fuoricampo. Il meglio di sé lo ha dato nelle otto stagioni di triplo A, disputando fino alla scorsa stagione ben 684 gare (sulle 1400 totali in Minor League), battendo con la media di .287 e .481 di slugging, con 138 doppi, 13 tripli e 99 fuoricampo, per 371 punti battuti a casa. Per questo motivo, oltre ad affidargli probabilmente lo strategico ruolo difensivo di esterno centro, Marco Nanni inserirà il giocatore americano nel cuore del lineup della squadra biancoblu, che auspica di aver finalmente trovato quel battitore di potenza e di sostanza tanto bramato nelle ultime stagioni.
G.F.

Ti piace questo articolo? Condividilo!