Radio Nettuno

Fortitudo, schiantata Treviso, il pAradiso è ancora più vicino

27 gennaio 2019
Fortitudo, schiantata Treviso, il pAradiso è ancora più vicino

LAVOROPIU’ – DE LONGHI 84 – 74

(18-14; 42-31; 65-53)

Fortitudo: Sgorbati, Cinciarini 24, Mancinelli 8, Franco ne, Benevelli 12, Leunen 14, Prunotto ne, Venuto 2, Rosselli 12, Fantinelli 2, Pini 2, Hasbrouck 8. All. Martino.

Treviso: Tessitori 14, Burnett 6, Sarto, Alviti 16, Saladini ne, Antonutti 6, Imbrò 17, Epifani, Chillo 2, Uglietti 2, Lombardi 11. All. Menetti.

Un altro gradino verso la promozione. La Fortitudo sconfigge nettamente Treviso e prosegue nella sua marcia quasi immacolata. Quattro giocatori in doppia, un Cinciarini da 24 punti, ma, soprattutto, una difesa che ha concesso agli ospiti solo il minimo necessario (leggasi 8/20 da 3).

La cronaca: inizio spumeggiante per Leunen ed Imbrò (7-7 al 4’), poi Treviso, grazie a due triple di Alviti, andava sul +3 (11-14 al 6’). Qui, la difesa della Lavoropiù faceva la differenza e, nei successivi cinque minuti, il parziale di 11-0 (bene Cinciarini), era psicologicamente determinante. Pian piano la F saliva sul +12 (33-21) con la bomba di Benevelli e, poi, dopo una mini-reazione fermata Lombardi, volava a +15 (40-25) a due minuti dall’intervallo.

Ripresa e si scatenava Alviti per il -9 (49-40 al 24’); anche Imbrò non voleva essere da meno e con due missili riportava la formazione di Menetti sul -7 (59-52). 1/2 di Lombardi dalla lunetta e successivo 6 a 0 interno (pesante la tripla di Hasbrouck) che riportava la sfida sui binari voluti da Martino. Ultima frazione e doppia frustata, da oltre l’arco, di Cinciarini per il 73-55. Treviso provava una zona adattata, ma Rosselli, con un gioco da tre punti, chiudeva ogni discorso a 4’ dalla fine (81-62). Il resto era solo garbage time.

Ti piace questo articolo? Condividilo!