Radio Nettuno

ESCLUSIVA – Tarozzi: “Il mio cuore a metà tra rossoblù e viola”

26 Febbraio 2013

Tanti anni a vestire la maglia di Bologna e Fiorentina con l’eterna faccia da bravo ragazzo. Andrea Tarozzi è legato indissolubilmente ai colori delle due maglie e non fa nulla per nasconderlo: “Al Bologna ho fatto tutta la trafila, dodici anni non si dimenticano – spiega nel corso della trasmissione “Scusate l’interruzione su Radio International Bologna – a Firenze mi sono tolto grandi soddisfazioni, ho giocato la Champions e c’erano tanti campioni“. Nel giorno del derby dell’Appennino è difficile fare un pronostico: “E’ una gara complessa per tutte e due le squadre, diciamo che prevedo un pareggio”. Tarozzi ora è il vice di Fulvio Pea, allenatore con cui ha condiviso l’esperienza di Sassuolo e Padova: “Non so che cosa non abbia funzionato in Veneto, ora abbiamo un contratto in essere che scade a giugno poi vedremo. Intanto io e Fulvio ci teniamo aggiornati, andiamo a vedere molte partite. E non solo di B o di A. In questi giorni sono stato al Viareggio per conoscere da vicino i ragazzi del ’94 e del ’95 che ci giocavano e ho avuto ottime impressioni da ciò che ho visto. A chi mi ispiro come allenatore? Sicuramente a Ulivieri, è stato un maestro in tutto e per tutto“. Quali sono gli ex compagni a cui è rimasto più legato? “Non me ne vogliano gli altri ma direi a Bologna Andrea Bergamo e a Firenze Sandro Cois. ma dovunque sono stato ho trovato gente splendida“. Andrea Tarozzi è fatto così, e con quella faccua è difficile credere che possa avere cattivi pensieri per qualcuno.

m. m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!