Radio Nettuno

ESCLUSIVA – Corbelli: “I presidenti passano, le società restano”

17 Ottobre 2012

A quasi 24 ore dall’asta che ha assegnato Fortitudo+Eagles al gruppo facente capo a Giulio Romagnoli, Luca Corbelli, direttore sportivo degli Eagles, ha voluto parlare ai nostri microfoni”.
La delusione forte di ieri scaturisce dal fatto che pensavamo ci fosse un interesse più ampio nei confronti della Fortitudo. Credo che la si potesse comprare al minimo storico e mi aspettavo almeno 3 o 4 buste. Sono deluso dall’imprenditoria bolognese, non perchè ha vinto Romagnoli. Questo concetto ci tenevo a chiarirlo. I passi li vedremo poi nei prossimi giorni e vogliamo soprattutto ascoltare perchè c’è molta preoccupazione“.
Che messaggio ti senti di lanciare alla Fossa? “Io penso che i presidenti, gli allenatori ed i giocatori passano, ma la società e la sua gente rimangono per sempre. Dobbiamo abituarci a tifare per la squadra, non per i presidenti“.
Non ti senti preso in giro da Sacrati? “L’amarezza che abbiamo noi dello staff (nella foto gli allenatori della prima squadra – ndr) é il fatto di non aver capito quello che stava succedendo. Abbiamo fatto un lavoro incredibile in poco più di un mese. Partendo dalla società, passando per la prima squadra e finendo al settore giovanile. Adesso siamo una realtà organizzata. Però, tutto quello che girava attorno a questo progetto è venuto ieri a mancare. L’ambiente ha ora bisogno di serenità e tranquillità. E’ arrivato il momento della trasparenza e di raccontare le cose come stanno, senza avere paura“.
Intanto sembra certo che la gara di campionato di sabato si giocherà alle ore 21 al “PalaDozza”
s.m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!