Radio Nettuno

ESCLUSIVA – Cazzola: “Bfc? Non rientro, ma farei scelte diverse”

22 Febbraio 2013

E’ un Alfredo Cazzola a tutto tondo su Bologna e Virtus quello intervistato in esclusiva nel corso della trasmissione “Scusate l’interruzione” su Radio International Bologna. Il punto di partenza è ovviamente la situazione della s0cietà rossoblù: “Ancora ad oggi non è decollato un progetto che possa dare solidità al club, ma bisogna dare tempo e valutare le scelte che si fanno. Il centro tecnico? Non è la strada che consenta di dare tranquillità finanziaria alla società, bisogna semmai capire come organizzare e produrre risorse economiche. Io avrei fatto scelte diverse“. E’ impossibile che Cazzola rientri nel Bologna? “Sono stato talmente offeso ed umiliato all’epoca che non ho intenzione di fare altro: mi fu chiesto dagli attuali soci di impegnarmi e dopo aver fatto le mie verifiche non lo ritenni fattibile. Ma ora sono più che mai convinto che il tessuto sociale e politico di questa città siano totalmente impermeabili alle novità e la vicenda Romilia è sotto gli occhi di tutti: in quel caso si perse un treno che avrebbe potuto dare la solidità di cui parlavo prima. Il problema è che a Bologna si finisce sempre per giocare con la passione sportiva della gente“. Cazzola parla anche della Virtus. E anche in questo caso non mancano le bacchettate: “Non voglio giudicare la Fondazione, perchè è fatta con passione da imprenditori grandi tifosi: oggi il clima economico non consente grandi voli pindarici ma certo le aspettative al varo di questa avventura erano altre. E lo dico da tifoso. Su altre piazze ci sono risultati più significativi, a Bologna no, forse per una infelice scelta  dei giocatori, che peraltro stanno abbandonando la società uno dopo l’altro. Diciamo che io avrei fatto altre scelte, ma anche in questo caso non intendo pensare ad un rientro“.

m. m.

Ti piace questo articolo? Condividilo!